Battesimo negativoIl 2024 del lavoro si apre malissimo per i giovani italiani

La crescita dell’occupazione frena, trainata solo dagli over-50. Il crollo si registra soprattutto per i giovani under-35 che perdono in totale oltre settantamila posti di lavoro in un mese

Pexels

Per il lavoro italiano, il 2024 comincia con il segno meno. Secondo i primi dati Istat dell’anno, seppur provvisori, la crescita dell’occupazione frena, registrando trentaquattromila occupati in meno in un mese. E il battesimo è negativo soprattutto per i giovani under 35 che, rispetto all’ultimo mese del 2023, perdono in totale oltre settantamila posti di lavoro.

A guardare i dati mese per mese, si assiste a continui sali e scendi. La diminuzione degli occupati a gennaio – dopo il segno più di dicembre – si registra di fatto solo tra gli uomini, con 49mila posti di lavoro in meno in un mese e un aumento preoccupante di inattivi di 73mila unità. Le donne, invece, che avevano chiuso il 2023 con cinquemila occupate in meno, a gennaio recuperano 15mila posti di lavoro, registrando un calo di dodicimila unità tra le inattive.

Il crollo più evidente, però, è soprattutto nella componente più giovane della forza lavoro. Nell’ultimo mese dell’anno, dopo il calo di novembre, l’occupazione era cresciuta solo tra i ragazzi, con quasi 90mila posti di lavoro aggiuntivi. Ma a gennaio il rimbalzo tra gli under 35 non ha retto: si contano 30mila i posti di lavoro in meno tra i 15 e i 24 anni, 42mila in meno tra i 25 e i 34 anni. Con un preoccupante aumento degli inattivi di 81mila unità nella stessa fascia. Di fatto più che un travaso verso lo stato di scoraggiati che non un lavoro non ce l’hanno e non lo cercano.

La crescita maggiore dell’occupazione si vede tra gli over 50, con 36mila occupati in più. E il rimbalzo del lavoro rispetto a gennaio 2023 è dovuto quasi unicamente a questa fascia: 349mila posti in più tra i senior, su un aumento totale di 362mila unità. Tra gli under 35, rispetto all’anno scorso, ci sono 122mila occupati in più. Mentre il calo maggiore, -108mila, è tra i 35 e 49 anni.

Ma anche al netto della componente demografica, i giovani non risultano più trainanti nella crescita dell’occupazione, come era accaduto dopo la pandemia.

Quanto alle tipologie di lavoratori, il calo maggiore si vede tra i lavoratori autonomi, con -24mila unità, i contratti a termine sono 15mila in meno, mentre tra i contratti a tempo indeterminato se ne contano solo 5mila in più. I dipendenti a tempo determinato calano a due milioni 953mila, gli autonomi sono 5 milioni 45mila.

I dati vanno incrociati con il metodo di calcolo dell’Istat, che considera non occupati i lavoratori in cassa integrazione oltre i tre mesi. A dicembre 2023, le ore di cassa integrazione autorizzate erano diminuite, mentre nei primi due mesi dell’anno sono tornate a crescere, facendo registrare un +16,3 per cento a gennaio, continuando a salire anche a febbraio.

Troppo presto per dire se i dati sull’occupazione di gennaio risentano dell’aumento della cassa integrazione e del clima congiunturale che si registra anche nel rallentamento del Pil. Ma da più parti arrivano previsioni di un rallentamento del mercato del lavoro nel 2024.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club