Camillo di Christian RoccaSfottere Obama

Basta con l’Obamathon. La presidenza degli Stati Uniti non è l’Isola dei famosi. Obama impari da Bush, che era stronzo, ma non gli importava niente della sua immagine personale e se voleva mangiare un hamburger lo ordinava al telefono, non si portava dietro Dick Cheney e centinaia di telecamere.

Basta con l’Obamathon. La presidenza degli Stati Uniti non è l’Isola dei famosi. Obama impari da Bush, che era stronzo, ma non gli importava niente della sua immagine personale e se voleva mangiare un hamburger lo ordinava al telefono, non si portava dietro Dick Cheney e centinaia di telecamere. Bush aveva l’assertività giusta per realizzare le sue idee orribili. Quanto sarebbe bello se anche Obama dicesse “Gesù mi ha detto di riformare il sistema sanitario”.
Otto mesi dopo l’elezione di Barack Obama e cinque mesi dopo l’insediamento alla Casa Bianca, l’America comincia timidamente a ridere del presidente super cool, grazie all’invettiva politico-satirica del comico libertario di sinistra Bill Maher, noto in Italia per il suo documentario antireligioso “Religuolous”. In un monologo del suo programma sulla rete televisiva Hbo, il network di intrattenimento preferito dagli intellettuali per la programmazione di altissimo livello sintetizzata dallo slogan “Non è televisione. E’ HBO”, Maher ha spiegato che quando si accende la tv ci si accorge che “non è televisione, è BHO”, Barack Hussein Obama.
Maher è il primo comico a prendere in giro il presidente per la sovraesposizione mediatica e lo scarso impegno su cose serie, mentre i suoi colleghi fanno ancora battute su Bush o, al massimo, sull’innocuo vicepresidente Joe Biden.
“Ogni volta che accendi la tv, c’è Obama. S’è preso un cucciolo! Sta mangiando un  cheeseburger con Joe Biden! Porta la moglie a Broadway e a Parigi – mi pare la migliore edizione The Bachelor” (“lo scapolo”, un reality show). Durante la campagna elettorale, ha ricordato Maher, John McCain ha attaccato Obama perché aveva atteggiamenti da star: “Abbiamo tutti preso in giro lo scorbutico e rintronato vecchio scemo. Be’, aveva ragione lui”. Maher capisce la necessità per un politico di vendere la propria storia personale per mantenere la popolarità: “Sono favorevole, ma lei ci ha già conquistati. Lei ci piace, ci piace davvero. Lei è magro e di fretta e innamorato di una bella donna. Ma è così anche Lindsay Lohan. E come con la Lohan, vediamo spesso il suo nome sui giornali e ci chiediamo quando comincerà a fare davvero qualcosa… Forza, sir, non deve stare in televisione ogni minuto di ogni giorno. Lei è il presidente, non una replica di Law and Order”.
Maher ha provocato scandalo non solo per le battute irriverenti, ma anche perché ha detto che Obama avrebbe ceduto alle banche, all’industria petrolifera, alla lobby della sanità: “Obama avrebbe bisogno di essere un po’ più come Bush. Quello diceva ‘o siete con noi o siete contro di noi’. Obama invece dice ‘o siete con noi oppure ovviamente avete bisogno di vedere un’altra foto di questo adorabile cucciolo’ ”.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter