Mercato e LibertàNostalgia degli anni ’70?

Io gli anni '70 li ho visti di sfuggita, essendo finiti quando ancora dovevo imparare a gattonare. Ho però letto molto sulla letteratura dei movimenti di massa, e ho provato ad applicare tali conos...

Io gli anni ’70 li ho visti di sfuggita, essendo finiti quando ancora dovevo imparare a gattonare.

Ho però letto molto sulla letteratura dei movimenti di massa, e ho provato ad applicare tali conoscenze per fornire una chiave di lettura. Si tratta di una chiave di lettura generica, che dice qualcosa su tutti i movimenti simili e poco su ognuno di questi. Non mi sento a mio agio ad applicare strumenti teorici astratti a problemi storici concreti, perché si corre il rischio di semplificare e categorizzare troppo. Ma la chiave di lettura teorica è valida e interessante.

Quello che è rimasto degli anni ’60 e ’70, a parte la violenza politica e il debito pubblico, è un ethos secondo cui la “partecipazione” è una cosa fondamentale. Sì e no. La politica è più verosimilmente una malattia da curare che non una cura ai nostri problemi, anche se è vero che una certa capacità di azione collettiva potrebbe facilitare, perlomeno sotto certe improbabili condizioni, la soluzione di alcuni problemi della politica.

Ne parlo su Libertiamo.

Pietro Monsurrò

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter