Mercato e LibertàLa crisi dell’euro

Questa mattina ho parlato a 'Nove in punto', la trasmissione radiofonica di Oscar Giannino su Radio24. Questo perché (messaggio autopromozionale) è uscito la settimana scorsa un libro dell'IBL, "Se...

Questa mattina ho parlato a ‘Nove in punto‘, la trasmissione radiofonica di Oscar Giannino su Radio24.

Questo perché (messaggio autopromozionale) è uscito la settimana scorsa un libro dell’IBL, “Se va bene andrà peggio“, sulla crisi dell’euro, di cui ho scritto un capitolo che riguarda le conseguenze economiche dell’uscita dall’euro.

Giannino ha riassunto perfettamente il mio messaggio: gli italiani hanno introiettato la loro soggezione alla politica così profondamente che confondono l’interesse del loro padrone, lo Stato, con il loro, arrivando fino all’assurdo di giustificare misure che li vedrebbero impoveriti per finanziare lo spreco, la corruzione e l’inefficienza della politica e dell’amministrazione.

Questa identificazione tra vittime e carnefici merita di essere chiamata “Sindrome di Stoccolma”, ed uscire da questo vicolo cieco è una delle priorità per il liberalismo.

Pietro Monsurrò

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta