La schiena di GinoIl “Grande Fratello” Obama ti sta ascoltando

Dopo il caso dei giornalisti 'spiati' dell'Associated Press, arrivano nuove grane per Obama. Oggi, dalle colonne del Guardian (che dà la notizia in esclusiva), Glenn Greenwald rivela che la Nation...

Dopo il caso dei giornalisti ‘spiati’ dell’Associated Press, arrivano nuove grane per Obama. Oggi, dalle colonne del Guardian (che dà la notizia in esclusiva), Glenn Greenwald rivela che la National Security Agency (NSA) sta monitorando le telefonate di milioni di americani clienti di Verizon. «Il documento», scrive il quotidiano inglese, dimostra per la prima volta che «sono state raccolte indiscriminatamente e in massa» – «sia all’interno degli Stati Uniti sia tra gli Stati Uniti e altri Paesi» – le comunicazioni di milioni di utenti «indipendentemente dal fatto che essi fossero sospettati di qualche illecito».

Insieme alla nomina di Susan Rice a nuovo Consigliere per la sicurezza nazionale (al posto di Tom Donilon) e quella di Samantha Power come Ambasciatore alle Nazioni Unite, e alla imminente visita del Presidente cinese Xi Jinping nel più che ‘simbolico’ ranch californiano di Richard Nixon (proprio perchè l’ex Presidente, insieme a Henry Kissinger, fu artefice della apertura a Pechino), le rivelazioni del Guardian lanciano una nuova e pesante sfida all’attuale inquilino della Casa Bianca.

Come nella distopia immaginata da George Orwell in 1984, il «Grande Fratello» Obama forse non ti starà guardando, ma certamente ti sta ascoltando.

Twitter: @LucaG_Castellin

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta