BabeleIl business eco-sostenibile del riciclo gomme (quanto vale)

Il business attuale (quanto meno in Italia), relativo al riciclo di gomme usate, si aggira attorno ai 63 milioni di euro l’anno.

Negli ultimi anni, sempre più aziende vorrebbero diventare eco-sostenibili. Qualcuna di queste, si è dedicata al riciclo gomme da cui sono riusciti a ricavare l’intero estratto del materiale di pneumatici usati e quindi usurati, al fine di non disperdere nulla di tale procedimento.

Ciò ha fatto sì, che questa procedura raggiungesse un rendimento pari al 100%. I pneumatici usati vengono ridotti e triturati in granulati di gomma. Quest’ultimo materiale viene successivamente, frantumato in più particelle molto ridotte, la cui sabbia ricava viene definita “polverino“.

Questo processo di usufruire delle gomme delle auto usate (pfu) consente di riciclare il 100%. Tanto che la stessa gomma potrà essere rigenerata per poi essere riadattata su veicoli o trattamenti che consentirebbero attraverso l’ausilio del polverino di recuperare una determinata materia e reimpiegare una buona fetta, circa del 70%. E il restante 30%? Verrà utilizzato per recuperare l’energia.

Riciclare pneumatici per un business da 400 milioni di euro l’anno

Acquistare pneumatici diventerà sempre più conveniente, sia per le aziende che potranno usufruire del riciclo da PFU, sia per i clienti che potranno risparmiare un po’ di soldi e guadagnare con un miglior impatto ambientale.

Il business attuale (quanto meno in Italia), relativo al riciclo di gomme usate, si aggira attorno ai 63 milioni di euro l’anno, per un totale di ben 250 mila tonnellate di pneumatici usati e 700 dipendenti. Gli esperti però, hanno stimato su un riciclo pari al 100%, che a tale valore si potranno aggiungere 400 milioni di euro di profitto, su un numero superiore a 6.000 unità lavorative sia dirette che indirette.

In aggiunta si verificherebbe oltre che un business eco-sostenibile, anche un profitto di circa 3 milioni di euro grazie al recupero energetico del riciclo gomme.

Cosa poter ricavare dal riciclo della gomma

Il riciclo della gomma di pneumatici usati consente inoltre, di poter ricavare e realizzare:

  • Attrezzature sportive (come ha dichiarata la stessa Ansa, l’Esercito Italiano ha sfruttato il riciclo di gomme per la palestra in Caserma);
  • Additivi per l’asfalto drenante e meno rumoroso;
  • Per supportare l’erba sintetica dei campi da calcio;
  • Per realizzare piste di atletica;
  • Guaine in gomma per isolare i rumori tra i muri.

Un’attività di sensibilizzazione anche per evitare che con gli anni, si possano perdere i benefici dei cosiddetti PFU, ovvero pneumatici fuori uso. Al contempo, sempre più associazioni e consorzi PFU, cercano di agevolare e favorire le aziende che vorrebbero attivare il business del riciclo gomma, grazie a sostegni economici (anche a fondo perduto) e individuare magazzini per depositare i pneumatici usati.

Meta description: Sempre più aziende sono orientate al nuovo modello di business eco-sostenibile per il riciclo gomme, i potenziali profitti annuali.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta