L’Altra OpinioneFirenze, 24 giugno 2020: la festa del Patrono al tempo del Covid

Una festa del Santo Patrono diversa da tutte le altre precedenti. D’altronde, questo periodo di pandemia mondiale ci ha abituati a festeggiare gli eventi del 2020 in modo inconsueto. Ma Firenze non si è lasciata scoraggiare ed ha celebrato San Giovanni, in un grande abbraccio tra sacro e profano, con tanti eventi culturali, occasioni di solidarietà nei confronti dei sanitari e, soprattutto, grande voglia di ripresa

Così dopo il 25 aprile, il 1° maggio e il 2 giugno, i fiorentini hanno trascorso anche la festa del Patrono in modo insolito. E se questo San Giovanni è trascorso senza i tradizionali “fochi” e la consueta finale del Calcio Storico, quella di ieri è stata comunque una festa piena di cultura e solidarietà, giochi di luci e soprattutto tanto divertimento.

La mattina è iniziata con la possibilità di partecipare a tanti eventi culturali. Alcuni dei più noti musei, come la Basilica di Santa Croce, il museo di Palazzo Vecchio, il Museo Bardini e l’Accademia di Firenze hanno festeggiato il Patrono con i fiorentini, prevedendo ingressi gratuiti.

Si è proseguito poi alle ore 18:00 con il tributo dato dal Calcio Storico attraverso le storiche quattro squadre, cioè quelle dei Bianchi, dei Rossi, dei Verdi e degli Azzurri. Tutti i calcianti, schierati e opportunamente distanziati in piazza Santa Croce, hanno ringraziato gli operatori sanitari per il prezioso compito di aver fronteggiato il Coronavirus. Il Corteo Storico della Repubblica Fiorentina invece ha omaggiato i volontari della Protezione Civile del Comune di Firenze anch’essi impegnati contro il Covid. Dunque, la città e i fiorentini hanno deciso di celebrare la  festa del Patrono post lockdown esprimendo solidarietà nei confronti di tutti coloro che, in questi mesi, si sono battuti in prima linea per combattere questo inaspettato nemico.

Alle 21.00 poi è stato possibile partecipare all’appuntamento su Rai Premium con “La Notte di San Giovanni” che ha unito idealmente le tre città che festeggiano San Giovanni come Santo Patrono, cioè oltre alla nostra città, Genova e Torino.

Infine a colorare la notte del 24 giugno ci sono stati tanti giochi di luci che hanno illuminato le porte storiche della città (Porta San Gallo, Porta alla Croce, Torre di San Niccolò, Porta Romana, Porta al Prato e Porta San Frediano) e edifici storici densi di significato come  l’Istituto degli Innocenti, la Basilica di San Miniato e la Cupola brunelleschiana di Santa Maria del Fiore.

Il 2020 ci ha costretti a fermarci e a rallentare le nostre vite frenetiche, a riflettere sui valori delle nostre precarie esistenze, ci ha portati a sperare che, al più presto, tutto questo possa essere solo un brutto ricordo e, soprattutto, a ringraziare tutti coloro che non si sono potuti  fermare perché costantemente impegnati a difendere la nostra salute e le nostre vite.

Non vi è dubbio che quella di ieri sia stata una festa inconsueta. D’altronde, questo periodo di pandemia mondiale ci ha abituati a festeggiare gli eventi del 2020 in modo diverso dal solito, distanti fisicamente ma uniti nella voglia di celebrare. E così Firenze, in un grande abbraccio tra sacro e profano, senza il tradizionale spettacolo pirotecnico e la finale dello spettacolare Calcio Storico, non si è lasciata scoraggiare ed ha comunque trovato il modo di festeggiare il suo Santo Patrono con tanti eventi culturali, calorosa solidarietà nei confronti di tutti coloro che quotidianamente combattono il nuovo virus e, soprattutto, grande voglia di ripresa.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta