L’Altra OpinionePrimo giorno di scuola in mezzo ad una pandemia: la sfida decisiva per la ripartenza dell’Italia

Le scuole riaprono dopo sei mesi; e così - tra orari scaglionati, gel disinfettante all’ingresso, nastro adesivo in terra per facilitare il distanziamento sociale, mascherine, plexiglas, banchi nuovi e altre controverse e macchinose procedure pensate in queste ultime settimane - i nostri ragazzi ieri sono finalmente tornati nelle loro classi

Pronti? Via! E così un altro anno scolastico è ripartito. Ma oltre alle consuete aspettative, speranze e preoccupazioni che accompagnano ogni inizio di anno scolastico, questo 2020 porterà inevitabilmente con sé anche incognite, timori ed incertezze collegate alla presenza del Coronavirus.

Dopo sei mesi lontani dai banchi di scuola – tra orari scaglionati, gel disinfettante all’ingresso, nastro adesivo in terra per facilitare il distanziamento sociale, mascherine, plexiglas, banchi nuovi – gli studenti sono finalmente ritornati in classe. Tutti gli istituti scolastici da ieri si sono dovuti confrontare con nuove regole, controverse e macchinose procedure pensate in queste ultime settimane per consentire ai nostri ragazzi di rientrare nelle loro classi e, al contempo, evitare che lo spettro del Covid-19 possa aggirarsi nei corridoi delle scuole.

Credo sia evidente tuttavia che far ripartire la scuola in sicurezza non voglia solo dire garantire il distanziamento fisico (non sempre facile da fare rispettare, specie tra i bambini più piccoli), assicurare le mascherine e il gel igienizzante in tutti gli istituti scolastici (erogazioni comunque non scontate sempre ed ovunque e per tutto l’anno), ma significhi soprattutto impedire che i malati possano accedere ai complessi scolastici. Infatti, compito dello Stato dovrebbe essere quello di impedire l’ingresso nelle scuole dei portatori del Covid-19 ed evitare così che questi soggetti diventino moltiplicatori di infezioni per gli studenti  e per tutto il personale scolastico. Comportamenti sbagliati e regole errate potrebbero accendere dei pericolosissimi focolai e rinvigorire la diffusione del virus.

La riapertura delle scuole in mezzo ad una pandemia è forse la scommessa più grande che lo Stato italiano e gli Stati di tutto il mondo sono chiamati ad affrontare. Noi tutti ci aspettiamo che lo facciano in modo responsabile.

La questione non è di facile soluzione e nessuno ha la ricetta perfetta e, ovunque, si sperimentano le riaperture degli istituti scolastici e, contemporaneamente, si assiste a delle battute di arresto con parziali richiusure.

Va detto però che in Italia la questione della riapertura delle scuole è stata oggetto, fin dall’inizio, di forti critiche. Molti hanno accusato il Governo di aver affrontato l’intera materia come “apprendisti stregoni”, in modo caotico, con pressapochismo ed impreparazione. Tuttavia bisogna riconoscere che questa che stiamo affrontando è una situazione eccezionale, mai verificatasi prima nella storia della Repubblica. Qualche errore, specie all’inizio del contagio, è da mettere in preventivo e dovrebbe essere perdonato.

La scuola non è un’isola in mezzo all’oceano, ma anzi è uno specchio della società e, perciò, ne riflette difficoltà ed aspettative. Per questo credo che il vero problema sia quello dei comportamenti complessivi di tutti noi, anche al di fuori degli ambienti scolastici, soprattutto negli ambienti chiusi dove l’areazione è limitata e gli assembramenti sono più facili da creare.  E se, infatti, in tutti i luoghi di lavoro si studiano e si adottano forme di riaperture regolamentate con regole di condotta improntate a precise indicazioni sanitarie, nelle scuole tutto questo è più complesso da attuare.

I comportamenti dei giovani frequentatori delle aule scolastiche, infatti, sono spesso imprevedibili e potrebbero essere improntati all’imprudenza.  Le modalità di accesso negli istituti scolastici poi, caratterizzate da una forte affluenza in un arco di tempo molto limitato, rappresentano un altro elemento di pericolo. Inoltre, la secolare carenza di strumenti e di personale scolastico, che tuttavia nelle intenzioni ministeriali di quest’anno dovrebbero ricevere un notevole potenziamento, costituisce da sempre un ostacolo al regolare svolgimento della didattica.

Ad ogni modo, tra luci ed ombre, tra aspettative e preoccupazioni, quella di ieri è stata una giornata importante per tutti gli studenti e le loro famiglie. Come ha ricordato il presidente Sergio Mattarella a Vo’: “l’inaugurazione dell’anno scolastico, mai come in questa occasione, ha il valore e il significato di una ripartenza per l’intera società. Lo avvertono i ragazzi, lo comprendono gli adulti”.

La riapertura delle scuole – oltre a rappresentare indubbiamente un aspetto di aiuto pratico per tutte le famiglie (soprattutto per le mamme) impegnate nelle incombenze lavorative – ha il sapore della ripartenza dell’Italia dopo mesi di sofferenze e sacrifici. Nel cuore di tutti noi la scuola assume un valore simbolico poiché è il posto dove le future generazioni crescono e si responsabilizzano, è il luogo dove il Paese costruisce il suo futuro.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta