L’Altra OpinioneVaccination Days: l’attesa svolta nella lotta contro il Covid

Dopo un anno martoriato dalla pandemia, alla fine si intravede una luce in fondo al tunnel. E se la strada per sconfiggere il Coronavirus è ancora molto lunga, la speranza è già nei nostri cuori

La campagna di vaccinazione contro il Covid – dopo la consegna dei vaccini per Santo Stefano – è ufficialmente iniziata, in tutti i Paesi dell’Unione Europea, domenica 27 dicembre.

Si sono differenziati solo Ungheria e Slovacchia, che hanno cominciato a vaccinare i propri cittadini a partire dal 26, e la Germania che, sempre nella giornata di sabato, ha vaccinato, come evento simbolico, una nonnina di 101 anni, ospite di una residenza per anziani di Halberstadt (Sassonia-Anhalt). La campagna Vaccination days però è proseguita anche nei giorni del 28 e 29 dicembre.

Se, nella prima giornata simbolica, alcuni Paesi come Spagna, Francia e Austria hanno deciso di iniziare dai soggetti più fragili, vale a dire dagli anziani delle case di riposo, la Repubblica Ceca ha scelto come primo vaccinato il premier Andrej Babis; analogamente anche la Grecia ha ritenuto opportuno che tra i primi vaccinati del Paese ci fossero la presidente della Repubblica Katerina Sakellaropoulou, il premier Kyriakos Mitsotakis e altri politici ellenici.

Diversamente, Malta e la Polonia hanno aperto la campagna vaccinale iniziando da un’infermiera del reparto malattie infettive di un proprio ospedale.

La selezione italiana è caduta sulla professoressa Maria Rosaria Capobianchi, dirigente del laboratorio di Virologia dell’ospedale Lazzaro Spallanzani, tra i primi ricercatori al mondo che isolò il Coronavirus Sars-CoV-2.

Tra coloro che hanno potuto beneficiare del vaccino nel Vax Day c’è stato anche Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania; e subito è scoppiata  la polemica. Non pochi hanno giudicato questa scelta non come un messaggio destinato ad abbattere gli scetticismi e le “convinzioni” dei simpatizzanti dei no-vax, bensì come un abuso di potere, un modo per “saltare la fila” ed accaparrarsi il vaccino riservato, in questa prima fase, agli operatori sanitari, al personale delle residenze sanitarie protette e agli anziani. E’ l’eterna questione sul comportamento che dovrebbe adottare la politica di fronte ad eventi simili: dare il buon esempio o attendere il proprio turno, come i comuni cittadini?

Ma dopo il debutto simbolico di fine 2020, da metà gennaio si partirà con l’ambizioso obiettivo di raggiungere la cosiddetta “immunità di gregge” già a fine estate 2021. E se le prime tranche di farmaci saranno riservate ai medici, agli infermieri, al personale e agli ospiti delle RSA, subito dopo, nei mesi di febbraio e di marzo, le successive forniture saranno destinate alle persone con più di 80 anni.

Da aprile si dovrebbe procedere, in maniera progressiva, alla vaccinazione delle persone meno fragili: si inizierà da coloro che hanno un’età compresa tra i 60 e i 79 anni per proseguire con chi ha almeno due patologie ed infine, con l’inizio dell’estate, si passerà a ritmo incalzante al resto della popolazione. Il direttore dell’AIFA, Nicola Magrini, ha dichiarato che “fra tre mesi gli ospedali saranno Covid-free e le RSA in sicurezza” e che “entro settembre riusciremo a vaccinare il 70% della popolazione”.

Sarà dunque uno sforzo poderoso che metterà in gioco le capacità logistiche di ogni Paese. Una sfida senza precedenti che probabilmente scriverà una pagina nuova ed importante nella storia contro le pandemie.

Resta ancora da capire quanto durerà l’immunità fornita dai singoli vaccini (probabilmente 6 mesi – 1 anno) e quanti saranno coloro che non potranno, per malattie pregresse, essere sottoposti a questa terapia. Anche le persone che non vorranno vaccinarsi rappresentano una pericolosa incognita con la quale dovremo confrontarci; infatti, vale la pena ricordare che, se la vaccinazione in corso è gratuita, rimane comunque su base volontaria.

Di fronte all’elemento certo della presenza del vaccino c’è quindi da opporre l’incertezza data dalla presenza degli scettici (anche tra medici e sanitari). Quante saranno, a conti fatti, le persone che non si vorranno vaccinare? E tra coloro che si dichiarano oggi contrari alla vaccinazione contro il Covid, quanti continueranno a mantenere le proprie perplessità anche nei prossimi mesi?  I timori verso un trattamento innovativo o gli atteggiamenti modaioli alla no-vax resisteranno anche di fronte al miglioramento generale della situazione sanitaria?

E proprio di fronte all’incognita del raggiungimento dell’”immunità di branco” si fanno avanti proposte come quella di rendere la vaccinazione contro il Covid obbligatoria, almeno per i sanitari, oppure quella di far pagare un prezzo per la libertà di non vaccinarsi, vale a dire far sostenere, in caso di ricovero ospedaliero, le proprie spese mediche direttamente al paziente anziché scaricarle sul Servizio Sanitario Nazionale.

Viene poi da chiedersi se sarà concretamente realizzabile la produzione e la distribuzione di tutte le dosi necessarie a vaccinare almeno coloro che lo vorranno.

Tutte queste variabili influenzeranno il raggiungimento del risultato dopo l’estate del prossimo anno. Con molta probabilità però, per garantire la persistente “immunità di gruppo”, la più grande campagna vaccinale della storia si trasformerà in un’operazione routinaria, una vaccinazione che dovrà dunque essere ripetuta ogni anno.

Ad ogni modo, finalmente stiamo iniziando a voltare pagina dopo un lungo anno, affannoso, tormentato e dominato dal Covid. Sono giorni di grande speranza per tutti nel mondo. Tuttavia, con l’arrivo dei vaccini abbiamo fatto solo un primo passo per sconfiggere il Coronavirus; la svolta sarà vaccinare almeno il 70% della popolazione.

La strada verso un ritorno alla normalità, dunque, è ancora lunga e tortuosa, ma con il nuovo anno si sta affacciando la speranza di lasciare alle spalle questa nefasta esperienza. Col 2021 avremo una consapevolezza in più: la guerra contro il Coronavirus può essere vinta.