FocusMéditerranéeDoveStiamoAndando? In giro a cercare complotti

Covid-19, piani diabolici, Forze del Male e teorie dei complotti. Chi poteva salvare il mondo e dove andremo a finire nel 2021?

Ph. Matthew Henry - Unsplash

di Ornella Rota | FocusMéditerranée

Ph. Matthew Henry – Unsplash

ROMA – “In quest’ora in cui le sorti del mondo intero sono minacciate da una cospirazione globale contro Dio e l’umanità…” e niente, fa già ridere così. Poi, rapida virata verso il grottesco: “In tutte le nostre città si è giunti ad arrestare cittadini per il solo fatto di voler camminare per strada, di respirare, di voler tenere aperto il proprio negozio, di andare a Messa la domenica”. Sono le prime avvisaglie dell’avvento del Great Reset, piano che il Deep State – ovvero le élite globaliste e ovviamente massoniche – ha ordito, sotto l’impulso di Satana, al fine di sottomettere il mondo entro il 2021. Questo (e altro) scriveva Carlo Maria Viganò arcivescovo titolare di Ulpiana e già Nunzio Apostolico negli Stati Uniti a Donald Trump, scongiurandolo di salvarci. Era il 25 ottobre scorso, il prelato si definiva “La voce di uno che grida nel deserto”.

Non era vero, né tanto meno lo è oggi: dalla setta statunitense QAnon con milioni di adepti a sud nord est ovest (Italia ben compresa) al cinema francese (il documentario Hold-Upspopola sui Social, applaudito da Sophie Marceau, Marion Cotillard, Juliette Binoche e altri) fino a una miriade di gruppi associazioni personaggi più o meno cupi e improbabili, il web pullula quotidianamente di messaggi, deliri, paure, litanie, invettive, imprecazioni, anatemi. Fra le Forze del Male, spiccano Jacques Attali, Jo Biden, HIllary Clinton, Giuseppe Conte, Bill Gates, Emmanuel Macron, Paul McCartney, i coniugi Obama, Rotschild, Pedro Sanchez, George Soros, tanti altri personaggi. Primo fra tutti papa Francesco che – parola di Viganò e non soltanto – “ha fin dall’inizio tradito il proprio ruolo per difendere e promuovere l’ideologia globalista”. Un’ideologia che “demolisce le basi stesse della società: la famiglia naturale, il rispetto per la vita umana, l’amore per la Patria, la libertà di educazione e di impresa”; è collegata con il traffico internazionale di minori e con reti di pedofili; utilizza anche antiche pratiche e cabale occulte, persegue gioventù e salute bevendo sangue di bambini appena uccisi (in questi due punti affiorano echi insopportabili, inequivocabili e molto verosimilmente non casuali).

Ovviamente, il Covid-19 rientra nel diabolico piano; tuttavia, le “correnti di pensiero” divergono. Una, sulla scia di Viganò e di alcuni tra cui don Livio Fanzaga (altro acerrimo avversario di Francesco nonché direttore di Radio Maria: è lo stesso che nel 2016 definì il terremoto in Italia come una punizione divina per l’approvazione delle unioni civili)condivide l’idea del piano satanico. Una seconda, più consistente, accusa direttamente la finanza internazionale, che sarebbe stata complice con i cinesi (o gli americani o i francesi) nel costruire in laboratorio il virus e poi nel diffonderlo nel mondo, magari con droni, cominciando a solcare i cieli delle zone più ricche. La terza, di dimensioni limitate ma non trascurabili, semplifica: il covid non esiste (un sottogruppo però puntualizza: non c’è ma lo portano gli immigrati”)

Come non esiste? E i camion con le bare di Bergamo?

*Trasportavano cadaveri di clandestini affogati in mare 6 o 7 anni fa

Ma…tenuti dove finora?

*In appositi frigoriferi approntati dal governo

Ah, ok

In Italia come ovunque, una gigantesca opera di corruzione operata dal Deep State su medici, biologi, forze dell’ordine, governanti, funzionari pubblici, intellettuali, mezzi di comunicazione e quanti altri in ogni settore ha reso possibile una messa in scena planetaria. Il fine, su cui i vari filoni concordano, è di provocare una crisi economica devastante, tale da sottomettere il mondo alle élite globali, cominciando con l’instaurare una dittatura sanitaria. Il regime garantirà reddito universale e cancellazione di tutti i debiti in cambio della rinuncia di tutti alla proprietà privata e all’adesione a un programma di vaccinazione universale. In ogni umano, i vaccini inoculeranno un microchip che sarà attivato dal G5; passaporto sanitario e ID digitale diventeranno obbligatori, il tracciamento dei contatti sarà planetario. Detenzione e confisca di ogni proprietà per chiunque rifiuti.

Uno solo avrebbe potuto, uno e unico, salvarci: Donald Trump (che però alla messa a punto di un vaccino ha destinato miliardi; boh). Ma è andata come è andata, le Forze del Male sono prevalse e solamente fra quattro anni “The Donald” potrà, forse, tornare per salvare il mondo. Forse.

Non sarà stato nel nome di quella missione che ha tentato un colpo di Stato per annullare il risultato delle elezioni?     

Segue: “Dove staimo andando? A cercare di capire i complotti”

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta