Dario Accolla
Strani giorni
10 Marzo Mar 2019 1635 10 marzo 2019

Dio, patria e famiglia? Cirinnà ha solo difeso l'antifascismo e chi l'attacca fa un favore a Salvini

Cirinnà Cartello
Monica Cirinnà

Sta facendo discutere, in queste ore, l'immagine di Monica Cirinnà accanto ad un cartello in cui possiamo leggere: «Dio, patria, famiglia: che vita di merda». Immagine subito divenuta virale sui social network, anche grazie all'onnipresente Matteo Salvini che l'ha riproposta – chiamando in causa anche Zingaretti, Martina e lo stesso Renzi, anche se non si capisce bene per quale oscuro passaggio logico – destando i prevedibili malumori e gli altrettanto scontati mal di pancia, figli del politicamente corretto, che tanta fortuna hanno sul web.

Malumori che, come ci ricorda TPI, si registrano a destra, in primo luogo, per bocca di Giorgia Meloni, che raduna le masse attorno a un lacerante interrogativo: «Per voi è più triste credere in Dio o nella patria o pubblicare una foto del genere? Giudicate voi». O per bocca di alcuni amministratori locali – mi riferisco a tale Daniel Dibisceglie, assessore di Cerro – che tuona indignato: «Io e Lei abbiamo idee politiche nettamente diverse» dice direttamente alla senatrice dem «ma non mi sono mai sognato di dire che chi non la pensa come me faccia una "vita di merda". Sono Cattolico, credo in Dio e lo ringrazio per il dono della Famiglia. Dovrebbe scusarsi pubblicamente» e pazienza per l'uso sconsiderato del maiuscolo.

Ma non è tutto. Si registrano malumori anche dentro la cosiddetta galassia "progressita". Nel mondo della cultura, a cominciare da Enrico Mentana, che lo bolla come "cartello davvero fesso". E continuando, addirittura dentro lo stesso Pd, con giganti di partito quali Carlo Calenda che su Twitter scrive, inesorabile: «Dici? Dio è morto e famiglia e patria non contano più? Vogliamo combattere il nazionalismo becero? Facciamolo in modo intelligente non cadendo nei luoghi comuni opposti ugualmente superfic. Patriottismo inclusivo, laicità ma non secolarizzazione, famiglia moderna non solitudine», rispondendo a chi gli faceva notare che lo slogan sotto tiro, nel cartello, è un motto fascista.

Eppure è proprio questo il punto della questione. Ad essere attaccati non sono i concetti – presi singolarmente – di "Dio", di "patria" e di "famiglia". E dipingere Monica Cirinnà come pericolosa antagonista sarebbe divertente, se non fosse ridicolo. Ricordiamo che proprio le frange più radicali di sinistra (Lgbt e non) l'attaccarono, a giugno del 2018, perché aveva intonato l'inno di Mameli al pride di Roma. Proprio perché – così motivò l'esponente dem, sul carro del Mieli – non si può lasciare l'idea di "nazione", intesa come casa di tutti e di tutte, alle destre.

Quella foto, il messaggio stesso e l'uso che se ne è fatto lo scorso 8 marzo assumono, invece, un loro significato specifico se contestualizzati nella piazza in cui il cartello è stato esposto, da una parte, e nel momento storico che stiamo vivendo, dall'altra. Andando per ordine: la piazza è quella del grande corteo femminista, che combatte contro discriminazioni e violenze a danno delle donne. E il momento storico è quello della prima Giornata internazionale delle donne in pieno governo giallo-verde, la cui politica sembra poco incline al concetto di uguaglianza politica e sociale tra i generi.

Tra le discriminazioni e le violenze contro cui si è scese e scesi in piazza sabato scorso, ci sono gli effetti di un decreto – il ddl Pillon – che se venisse approvato sarebbe una sciagura per la libertà delle donne. Soprattutto quelle donne che vivono accanto a mariti o compagni violenti, da cui vorrebbero separarsi (il ddl in questione renderebbe impossibile farlo, in poche parole). La proposta del senatore leghista si innesta in quella visione della società per cui la donna è niente di più complesso di un oggetto riproduttivo, che serve a dare figli (attraverso la famiglia) alla patria. In nome di Dio, manco a dirlo. Una visione che ricorda l'idea che il fascismo aveva della società. In questo contesto, per una donna vivere in quel modo lì sarebbe – anzi, senza condizionale: è – una vita poco desiderabile, se vogliamo dirlo in termini eleganti. Se vogliamo essere più diretti, rimandiamo direttamente al cartello e alla sua efficacia comunicativa.

Adesso, attaccare Monica Cirinnà per aver posato in una foto in cui tiene un cartello – preso in prestito da una partecipante, a dire il vero – che sintetizza in modo forse poco "elegante", ma di certo fedele, lo spirito della giornata dell'8 marzo e della piazza di Non una di meno, significa dire più o meno indirettamente a quella stessa piazza che ha fatto male, quel giorno, a protestare. E questa è una responsabilità politica, anche grave se vogliamo, di cui risponderanno tutti e tutte coloro stanno attaccando la senatrice per quella foto. Che lo faccia Salvini – che sa come aizzare gli animi conoscendo bene il suo elettorato, che si configura sempre più come gregge orwelliano – fa parte delle regole del gioco. Gioco orribile, ok, ma Salvini fa solo il suo mestiere. Che lo faccia Calenda, invece, ci spiega perché il Pd è sceso a percentuali da Democratici di Sinistra ai tempi di Fassino. E lì rischia di aver ragione il leader leghista quando dice "contenti loro".

Ma c'è un altro aspetto, ancora più grave di quella critica interna alla galassia progressista che fa il gioco della destra populista. E l'aspetto più grave è il seguente: si sta attaccando una rappresentante delle istituzioni per aver manifestato, e fieramente, un messaggio antifascista. Perché si finge di dimenticare che "Dio, patria e famiglia" era uno degli slogan portanti del regime di Mussolini. L'antifascismo, che è valore fondante della nostra società e della nostra democrazia, è indirettamente – si spera – sotto attacco da coloro che maggiormente vi si dovrebbero riconoscere. Perché dovrebbe far parte, in altre parole, nella storia e nelle parole d'ordine di chi si dice ancora di sinistra (o quanto meno democratico). Non capirlo e inseguire Salvini sul suo stesso piano ideologico è l'ennesimo regalo che si può fare al sovranismo imperante. E questo sì che è un passo falso, che andrebbe rivisto nella sua interezza. Ditelo a Calenda, a Mentana e a chi la pensa come loro.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook