Il downgrade italiano fa il giro del mondo

Il downgrade italiano fa il giro del mondo

L’articolo di apertura del Financial Times è dedicato alla decisione di Standard & Poor’s di abbassare il rating italiano http://goo.gl/WC2Mj. Per il quotidiano britannico questa decisione potrebbe aumentare le paure sul sistema bancario europeo. Sul FT trova spazio anche un’analisi della reazione dei mercati alla notizia http://goo.gl/gvhqc

**

Il Wall Street Journal apre con il downgrade italiano http://goo.gl/x7eSt rimarca come la decisione di S&P sia dovuta a questioni di criteri di debolezza «politica» e «sul debito.

**

La Reuters fa un’analisi dell’impatto sull’Europa del downgrade italiano http://goo.gl/t3qfn e riporta anche dichiarazioni dalla Cina che riaffermano la fiducia nell’euro e nell’economia europea http://goo.gl/hdDTp

**

Il Guardian dedica un live sulla situazione italiana http://goo.gl/qYs5u dove ci sono aggiornamenti sulla situazione italiana e greca

**

In un lungo articolo sul possibile default della Grecia, il New York Times sottolinea come un evento di questo tipo potrebbe mettere sotto pressione ulteriore l’Italia http://goo.gl/0z3MN

**

Il Washington Post riporta i take dell’Associated Press che descrivono le motivazioni del downgrade http://goo.gl/KJDtj e la revisione al ribasso delle previsioni di crescita

**

Il quotidiano economico tedesco Handelsblatt ha in apertura una grossa foto di Silvio Berlusconi e dedica il suo articolo alle reazioni italiane al downgrade http://goo.gl/UyeY1

**

Anche su Die Zeit il downgrade è la prima notizia http://goo.gl/c4REl, accompagnata da un focus sulla manovra appena approvata http://goo.gl/E3im0

**

Le Monde dedica, a metà pagina, un richiamo al downgrade di S&P http://goo.gl/HHcBH

**

Anche il quotidiano greco Eleftherotypia http://goo.gl/zinjd dedica spazio al downgrade italiano

**

Il taglio del rating italiano trova spazio anche sulla Xinhua, l’agenzia di stato cinese http://goo.gl/Udf1D

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta