Che cosa significa «tamarro»?

Che cosa significa «tamarro»?

Il termine “tamarro” indica una persona dai modi rozzi, volgari e appariscenti. Viene utilizzata nel gergo giovanile con accezione dispregiativa, spesso anche come aggettivo riferito a oggetti o a comportamenti (il tipo di linguaggio usato, il tipo di veicolo guidato o il tipo di vestiario). Per il Sabatini Coletti è tamarro “il giovane provinciale o di periferia che si sforza di adeguarsi ai modi di vita cittadini, ma in maniera eccessiva, volgare”.

La parola proviene dal parlato colloquiale del sud Italia e deriva probabilmente dall’arabo tammār, che significa “venditore di datteri”. I dialetti italiani sono ricchi di termini dal significato simile, che variano da regione a regione: tarro, zarro, zamone (utilizzati perlopiù nel nord Italia), gabibbo (termine usato a Genova), zambro e cozzalo (in Puglia), solo per citarne alcuni.

Leggi le altre definizioni

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta