Barca e il “Pd che vorrei”, la serie infinita continua

Anche il ministro scrive, come da tradizione, l’ennesimo documento programmatico

Neppure Fabrizio Barca si sottrae al rituale, tutto interno al Pd, del documento programmatico. Per lanciare la sua candidatura alla segreteria del partito, il quasi ex ministro per la coesione territoriale ha scelto, tra le varie forme possibili, quella più vicina al paper universitario: 55 pagine di analisi, riflessioni e propositi per il futuro. Non è un male, ci mancherebbe. Anzi. Ma Il suo “Pd che vorrei” raccoglie un vizio antico della sinistra italiana: il cerimoniale dei progetti complessi e delle teorie sofisticate (e forse bellissime) condannate, fin dalla nascita, a rimanere sulla carta. Non è un problema di modernità o comunicazione, ma di esito. Perché scrivere tanto per non fare nulla? Dispiacerebbe, nel caso, aver avuto un ennesimo “Pd che vorrei” senza che questo sia diventato, per dirla in modo semplice, un Pd.

Il documento si trova cliccando qui.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta