“Nobel in fisica” all’Italia: l’uomo cammina sull’acqua

I premi Improbable Research IG Nobel

L’uomo è in grado di camminare sull’acqua. O meglio, sarebbe in grado di farlo se le condizioni fossero quelle della Luna, a patto di imitare gli animali dotati di arti che riescono a farlo sulla Terra (come si vede nella foto). A scoprirlo è stata una ricerca italiana, premiata con un IG Nobel. Alberto Minetti dell’Università Statale di Milano, Yuri Ivanenko della Fondazione Santa Lucia di Roma, Germana Cappellini, Nadia Dominici e Francesco Lacquaniti dell’Università di Tor Vergata a Roma hanno vinto il premio IG Nobel per «la ricerca più improbabile» in Fisica: hanno dimostrato in via sperimentale che l’uomo sarebbe in grado di camminare su uno stagno, qualora sia la persona che lo specchio d’acqua fossero sulla Luna. Gli IG Nobel sono premi assegnati annualmente alle ricerche scientifiche più strane (ma condotte secondo tutti i crismi in uso nella comunità scientifica) nei vari ambiti premiati (dalla Medicina alla Chimica). La ricerca è stata finanziata con denaro pubblico: dal Ministero della Salute, Ministero dell’Università e della Ricerca, l’Agenzia spaziale Italiana e l’Unione europea.

Ecco un’immagine tratta dallo studio, in cui si dimostra come è stato condotto l’esperimento.

Un momento dell’esperimento premiato dagli IG Nobel

La ricerca completa (formule incluse)

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter