Tè o caffè? Il mondo è diviso in due

Tè o caffè? Il mondo è diviso in due

Il mondo è spaccato in due. Finita la guerra fredda, scomparso il socialismo reale, c’è ancora un elemento che separa popoli e Paesi, e che si può riassumere nella semplice domanda: tè o caffè? Va bene, si esagera. Ma aldilà delle preferenze personali, ci sono elementi di tradizione culturale che influiscono nelle abitudini dei popoli e ne strutturano le industrie.

Come si vede in questa mappa, c’è una divisione più o meno netta: negli Usa più del 75% beve caffè, insieme a Messico, Brasile, Norvegia, Svezia e Finlandia. In Europa solo la Gran Bretagna vede la prevalenza del tè, e si sa bene quanto ci tengano, mentre in Russia e nei Paesi arabi la fa da padrone.

Tutti i dati, per chi volesse saperne di più, si trovano qui.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta