Obama: «Il mondo sia unito, Isis sarà distrutto»

Obama: «Il mondo sia unito, Isis sarà distrutto»

Parlando all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha toccato le questioni politiche più complesse del momento. Dopo un breve passaggio sulla Russia, in cui ha detto che «le azioni di Mosca ricordano i momenti in cui i grandi schiacciavano le piccole per ambizioni territoriali», si è concentrato sull’ISIS e sugli attacchi in Siria e in Iraq.

La politica di attacco degli Usa è giusta: «l’ISIS deve essere distrutto, non si può ragionare con il male». Insieme agli Usa si sono già uniti 40 Paesi, ma Obama lancia un appello al mondo intero: «Unitevi al nostro sforzo». E sottolinea: «Gli Stati Uniti non saranno mai in guerra contro l’Islam, che insegna la pace a milioni di musulmani-americani: non è uno scontro di civiltà».

«Le comunità musulmane», ha detto, «respingano con forza l’ideologia di Al Qaeda e dell’Isis. I giovani musulmani devono rispettare e onorare la tradizione dell’Islam, ovvero l’istruzione, l’innovazione e la dignità della vita. Il mondo si deve unire per «respingere il cancro dell’estremismo violento. Ci troviamo di fronte a un nuovo tipo di terrorismo, più letale».

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Studenti 60€
Amici 120€
Sostenitori 600€
Benefattori 1200€
Maggiori Informazioni