Conoscenza circolante, ingrediente base dell’open factory

Oggi i parametri materiali lasciano spazio al ruolo del capitale reputazionale: contano il valore del brand, l’identità di marca, i “like” e la social identity. Stiamo viaggiando velocemente verso un’economia della conoscenza: gli alfieri italiani vanno da Eataly a Berto Salotti

Siamo ancora in un’epoca accelerata, in cui le valutazioni delle performance aziendali sono cadenzate da tempi strettissimi e in cui il working capital – capitale circolante – la fa ancora da padrone: indica la capacità del management di far fronte all’attività corrente dell’impresa.

Tutto ci fa pensare, però, che i parametri tangibili, e materiali, con cui operiamo le nostre scelte d’impresa, non siano più così capaci di generare valore.

Oggi parliamo di capitale reputazionale, di valore del brand, di identità di marca, di “like” e social identity, di brevetti, di valore del management. Stiamo viaggiando velocemente verso un’economia della conoscenza e ci dobbiamo chiedere: tra dieci anni i nostri fatturati saranno composti dagli stessi prodotti e servizi di oggi? Il denaro che la banca ci darà in prestito sarà ancora concesso sulle basi delle valutazioni odierne (asset che ci rendono capaci di restituirlo)? Il valore che attribuiamo ai prodotti, alla loro proprietà, sarà lo stesso di oggi?

Continua a leggere su Centodieci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta