Stepchild adoption e traduzioni italiane: la Crusca e la proposta del “configlio”

Il neologismo sarebbe privo del sapore negativo che accompagna il termine "figliastro" e, al tempo stesso, metterebbe in chiaro il livello di parità con gli altri figli grazie al prefisso -con

Bisogna segnalare anzitutto, come ha rilevato lo stesso Sabatini, che anche il termine inglese stepchild ha una connotazione negativa perché lo step iniziale non ha niente a che vedere con step ‘tappa, passo’, ma ha una base etimologica che implica uno ‘strappo’. È verissimo, in ogni caso, che la sua resa in italiano con figliastro/figliastra (che pure si sente usare, talvolta, nel doppiaggio) appare improponibile, non solo perché questi termini sono, oltre che desueti (sul piano giuridico i figliastri non esistono più), anche connotati negativamente (si usa l’espressione figli e figliastri per alludere a ingiuste disparità di trattamento, per esempio sul piano pensionistico o della tassazione), ma anche perché risalgono a una fase storica in cui un nuovo matrimonio era possibile solo dopo la perdita del coniuge e quindi implicavano la morte di uno dei due genitori; si poteva dunque essere figliastri rispetto a un patrigno o una matrigna che prendeva il posto, in famiglia, di un padre o una madre scomparsi ed essere quindifratellastri o sorellastre dei figli nati da questo secondo matrimonio (o anche dei figli che il patrigno o la matrigna, se vedovi anch’essi, avevano avuto dalla precedente unione coniugale).

Tutti i termini citati sono entrati in crisi da quando anche in Italia è previsto il divorzio e si è diffuso il fenomeno delle cosiddette “famiglie allargate” (e dunque ben prima che il parlamento affrontasse il tema delle unioni civili tra coppie dello stesso sesso); anzi, sarebbero probabilmente scomparsi definitivamente dall’uso, se nell’immaginario collettivo non continuassero a vivere grazie ai personaggi, per lo più negativi, che li hanno incarnati nella letteratura e in particolare nel mondo delle fiabe: le insopportabili sorellastre di Cenerentola, la perfida matrigna di Biancaneve, il crudele patrigno della Piccola fiammiferaia. La Figliastra è uno dei Sei personaggi in cerca d’autore pirandelliani (1921), non certo cattiva, ma protagonista di una drammatica vicenda, moderna sì, ma collocabile in un contesto familiare e sociale che appartiene ormai al passato. Si può infine ricordare che il suffisso spregiativo -astro (non più produttivo per formare nomi) è stato usato in neoformazioni ludiche come ziastro, nipotastro ecuginastro, documentate nei fumetti che hanno per protagonista il personaggio disneyano di Paperino (nipote di Paperone, zio di Qui, Quo, Qua e cugino di Gastone); ziastro è addirittura registrato nel GRADIT perché talvolta indica scherzosamente uno zio acquisito. Mi è anche capitato di sentir definirenonnastra e nonnastro la seconda moglie o la compagna del nonno o il nuovo marito o compagno della nonna. Ma si tratta sempre di occasionalismi che non sono mai entrati stabilmente nel lessico.

Proprio in considerazione di questi dati, per cercare un possibile sostituto del termine inglese stepchild, Francesco Sabatini ha proposto il neologismoconfiglio, che si serve di un prefisso tuttora produttivo (anche se probabilmente superato, negli ultimi anni, per influsso dell’inglese, dall’equivalente co-) e che è stato utilizzato in passato anche all’interno dei rapporti familiari (compare,consuocero). Secondo Sabatini, il termine vuole dimostrare anche sul piano formale la disponibilità di chi lo usa ad accogliere tra i propri figli il figlio del partner (da designare come configlio soprattutto quando si parla di lui in sua assenza) o a considerarlo come tale, e al tempo stesso serve a chiarire ad estranei il particolare rapporto di parentela. Ad alcune obiezioni che sono state avanzate, relative al fatto che il prefisso con- (o co-) dovrebbe essere usato per indicare un membro che svolge lo stesso ruolo o funzione rispetto a un altro (si èconsuoceri rispetto ad altri suoceri, coautore rispetto a un altro autore) o al fatto che non si può essere configlio del partner del genitore prima dell’adozione da parte di questo, si potrebbe replicare da un lato che parole come compare ecomare si usano in rapporto al figlioccio più che al padre e alla madre naturali (e in certe zone d’Italia i termini si riferiscono appunto al figlioccio e alla figlioccia, oltre che al padrino e alla madrina) e dall’altro che la proposta del termine prescinde dal tema specifico della legge sulle adozioni, e dunque dalla condizione giuridica: configlio dovrebbe avere il valore, più generale e generico, di ‘figlio del compagno o della compagna’, rispetto al quale ci si può senz’altro definire, come ha suggerito qualcuno, congenitore. Entrambi i neologismi ammettono i femminili (configlia e, eventualmente, congenitrice), mentre i singoli congenitori potrebbero essere indicati senza particolari difficoltà come compadree commadre in funzione di appellativi (per gli allocutivi l’uso prevalente, ormai da tempo adottato anche per i suoceri, è quello dei nomi propri e non più di papà omamma).

Continua a leggere sul sito della Crusca

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta