Esistono quattro tipi di ubriachi: lo dice la Scienza

Una ricerca condotta da un’università americana classifica i bevitori sulla base delle loro trasformazioni dopo aver alzato il gomito. Un quadro, forse, incompleto

Flickr, CUBA SODA GUIDE

Non tutti gli ubriachi sono uguali. Alcuni reagiscono alla sbronza diventando euforici, altri intristendosi, altri ancora menando fendenti in giro. Adesso, grazie a una ricerca condotta dall’Università del Missouri, sappiamo anche come catalogarli.

Gli scienziati hanno indagato con un sondaggio le abitudini alcoliche di 374 studenti universitari, concentrandosi (chissà perché) sul numero di drink bevuti dai ragazzi e sull’uso di bere molto in singole sessioni – da un minimo di cinque, considerato la soglia minima per dare adito a tutti i comportamenti patologici associati all’alcol (guida, sesso da ubriachi, etc.).

Sulla base delle risposte ricevute, hanno potuto tracciare quattro profili di bevitori, associandoli a personalità famose.

Il più corposo è il gruppo degli Ernest Hemingway: circa il 40% degli intervistati. Lo scrittore americano era noto per il suo amore per gli alcolici, di cui parlava e scriveva molto. Gli Ernest Hemingway sono quelli che bevono ma non registrano evidenti cambiamenti di personalità.

Segue, a ruota, il gruppo dei Mary Poppins. Anche se la tata “praticamente perfetta” non sembra il tipo che manda giù shottini a ripetizione, è comunque un personaggio sempre sorridente e cordiale con tutti. E questo è proprio il profilo dei Mary Poppins: bevono e diventano simpatici, gentili e affabili. Gente da frequentare.

Al contrario, il gruppo del professore Pazzo (sì, il personaggio interpretato da Eddie Murphy nel film omonimo del 1996) è composto da persone che, una volta ubriache, si trasformano: perdono ogni timidezza e si lanciano in balli e battute scatenate.

Infine, i Mr Hyde: non ci vuole grande intuito per capire che si tratta di quelli che, una volta alzato il gomito, diventano persone mostruose e insopportabili. Irresponsabili, irragionevoli e violenti.

Questi i gruppi della ricerca. Noi di LinkPop, con somma umiltà, ne aggiungeremmo un altro: quello dei Salici piangenti. Sono le persone che approfittano dell’alcol per lasciare uscire tutta la loro tristezza con pianti e singhiozzi. Sono quelle che ammorbano gli amici con le loro paturnie e li obbligano a perdersi ogni divertimento.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta