Cronache mediorientali: come si pronuncia “Khashoggi” in modo corretto

Le dizioni sono diverse, ma solo una è quella giusta. Per capire il mondo intricato delle politiche arabe e non, bisogna partire dai fondamentali: i nomi e i cognomi

Come spesso capita con i nomi stranieri di lingue poco conosciute, è difficile stabilire a una prima occhiata l’esatta pronuncia di una parola. Soprattutto se si tratta di un nome. Un caso esemplare è quello di Jamal Kashoggi, l’attivista e giornalista saudita ucciso il 2 ottobre nel consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul.

Nel corso di queste settimane si sono sentite dizioni di ogni genere. Quelle prevalenti sono due: “kashogghi”, cioè con la “g” finale dura, o “kahsoggi”, in cui fa rima con Luciano Moggi. Quale delle due è corretta?

La risposta, molto semplice, si trova qui. Bastano i primi due secondi per farsi un’idea del modo giusto per pronunciare questo nome.

Il nonno di Jamal Khashoggi, cioè Muhammad Khashoggi, era di origini turche. E il nome originario era Muhammed Halit Kaşıkçı. Il suono finale è, appunto, una “c” palatale (quella, per intenderci, di “Luciano”). Sembra logico, di conseguenza, che un nome come “kashikci” diventi “kashoggi” e non “kashogghi”. Come, del resto, è accaduto.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta