Oltre la crisiDieci anni da Lehman Brothers, ma nell’industria del risparmio il conflitto di interessi non è risolto

A dieci anni dalla crisi, dobbiamo ancora fare i conti con le dinamiche di conflitto di interessi a tutti i livelli della filiera dei prodotti finanziari. Lo racconta Andrea Rocchetti, responsabile area Consulenza di Moneyfarm

Durante gli ultimi dieci anni molto si è dibattuto riguardo le cause della crisi finanziaria del 2008 e della lunga recessione che ne è seguita. Personalmente, credo che il filo conduttore sia la presenza di dinamiche di conflitto di interessi a tutti i livelli della filiera dei prodotti finanziari. Il conflitto si verifica quando l’interesse di una persona interferisce con quello di un’altra persona verso cui la prima ha precisi doveri e responsabilità. L’industria finanziaria è particolarmente toccata dal problema, avendo a che fare con gli interessi economici e finanziari di individui e imprese; per questo motivo tale conflitto si manifesta in diversi modi e a vari livelli.

Continua a leggere su Moneyfarm

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta