SoldiEcco che rapporto hanno le differenti generazioni con gli investimenti

Ogni generazione pensa all’investimento in modo diverso. La maggior parte dei millennial (66%) è fiduciosa sulle opportunità di investimento nei prossimi 12 mesi. Questa percentuale scende al 49% quando ai baby boomers viene posta la stessa domanda

ADRIAN DENNIS / AFP

Ogni generazione pensa all’investimento in modo diverso. Ciò è in parte dovuto al fatto che ogni fascia d’età si trova in una tappa distinta della vita. Mentre i baby boomers, coloro nati tra il 1946 e il 1964, si concentrano quasi esclusivamente sulla pensione, le nuove generazioni mettono in primo piano aspetti come l’istruzione e la carriera. Di conseguenza, non sorprende scoprire che gli obiettivi di investimento possono notevolmente differire in base all’età.

Tuttavia, ci sono altri motivi principali che contribuiscono alle scelte di investimento di ogni generazione. Ad esempio, è possibile che grandi eventi storici o fenomeni culturali abbiano inciso sulla mentalità di investire delle diverse generazioni.

Analizziamo però alcuni dei dati interessanti che provengono da un report di Raconteur.

Vuoi sapere come le differenti generazioni si approcciano agli investimenti?

Scoprilo su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta