Annunci che non lo eranoLa rifondazione (e il trasloco) del Pd di Zingaretti

Il dibattito su scioglimento e ricostruzione del Partito democratico, lanciato dal segretario in vista del prossimo congresso, non dovrebbe far dimenticare un importante precedente

Era la sera del 10 marzo 2019 e per la sua prima intervista televisiva da segretario del Partito democratico, ospite di Fabio Fazio, Nicola Zingaretti dichiarava, con enfasi forse persino eccessiva: «Non l’ho mai detto, ma lo dico adesso: io vorrei anche cambiare la sede nazionale del Pd». Scelta che ognuno può giudicare come crede (per quanto giudicarla un azzardo appare arduo), ma era chiaro il valore simbolico assegnato a quel primo, piccolo cambiamento, se non altro di residenza. E dunque, ora che Zingaretti annuncia addirittura l’intenzione di sciogliere e rifondare il Pd, «non per fare un nuovo partito, ma un partito nuovo», mi sembra opportuno ricordare al lettore che la sede nazionale dei democratici è sempre lì dov’era un anno fa.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020