Falsa partenzaCaos in Iowa: i risultati dei caucus sono in ritardo mentre Trump gongola

Tutto fermo (tra le polemiche) a causa di un “controllo di qualità”. I dati potrebbero arrivare nel pomeriggio italiano. Sanders sarebbe andato bene, Buttigieg ha parlato di vittoria. Bene anche Warren e Klobuchar, male Biden. Ma pochi oggi ci faranno caso

Colpo di scena. In Iowa, ai caucus dei democratici, ha vinto Donald Trump. Già, perché a pochi minuti dalla mezzanotte (ora locale, le 7:00 in italia), del Partito Democratico americano non c’è traccia.

I primi numeri sarebbero dovuti arrivare verso le 22 locali (le cinque in Italia). Invece sono ore che è tutto fermo, a causa di un “controllo di qualità”. Cosa voglia dire, di preciso, non è dato sapere. Ma certo si tratta di un epic fail non da poco che, senza dubbio, inficerà il resto della campagna elettorale.

Lo farà sia dando un ottimo argomento ai Repubblicani che vogliono dipingere i Democratici come dei babbei buoni a niente (beh…), sia gettando un’ombra sul risultato di stasera, qualunque sia.

Così, visto che nessuno dice niente, tutti dicono tutto. In particolare Pete Buttigieg che prima che arrivassero i numeri veri (che per altro non accennano ad arrivare) è uscito a annunciare di aver vinto. Gli auguriamo sia vero, ma a questo punto importa poco. Il discorso della vittoria lo ha fatto, con tutto quello che comporta, in termini di ricadute positive.

Anche Bernie Sanders, che pure non ha avuto l’ardire di Buttigieg, è parso soddisfatto dei dati in suo possesso e (bisogna dargliene atto) non ha avuto, a differenza dei suoi sostenitori sui social, nessun tono complottardo, anzi, è parso piuttosto conciliante.

E, per paradosso, anche Joe Biden, il grande sconfitto di questa sera, ha di che festeggiare benché sembra (sembra) sia arrivato quarto: una disfatta completa, in teoria. Ma la notizia, buon per lui, è un’altra. E oggi nessuno ne parlerà.

La notizia, oggi, è la sconfitta dei democratici, tutti, riusciti a bucare l’appuntamento elettorale più importante degli ultimi (e forse anche dei prossimi) quattro anni.

Trump ne gioirà senza dubbio.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta