Adesso basta, grazieI cinesi diffondono fake news sulla pelle degli italiani

La portavoce del ministro degli Esteri di Pechino racconta su Twitter che gli italiani escono sui balconi a ringraziare la Cina e a cantare l’inno cinese. Se fossimo un paese serio, nonostante l’emergenza, la Farnesina e Di Maio si farebbero sentire

Hua Chunying è la portavoce del Ministro degli Esteri cinese, oltre che direttrice generale del dipartimento dell’Informazione di Pechino, cioè è tra i capi della propaganda cinese. Il suo ruolo evidentemente prevede anche di diffondere fake news, come quella che ha twittato dal suo profilo ufficiale.

La portavoce di Pechino ha mostrato le immagini di alcuni italiani che sabato a mezzogiorno sono usciti sui balconi per applaudire il personale medico e ospedaliero impegnato ad affrontare l’emergenza epidemiologica, peraltro proveniente dalla Cina, spiegando che gli italiani si erano affacciati alle finestre per cantare «grazie Cina» e per diffondere per le strade di Roma l’inno cinese in segno di gratitudine per l’aiuto cinese a sconfiggere il virus. Cliccando sul video, si sentono gli applausi degli italiani e in sottofondo una marcetta l’inno cinese. La stessa cosa ha fatto il suo vice, Lijian Zhao.

Abbiamo altre emergenze, altri problemi e magari ci sarà anche stato qualcuno che ha urlato grazie Cina, ma se fossimo un paese serio la Farnesina e il ministro che disgraziatamente la guida si farebbero sentire per intimare Pechino di smetterla di diffondere fake news e altro sulla nostra pelle.

 https://twitter.com/SpokespersonCHN/status/1239041044580188162?ref_src=twsrc%5Etfw 

 https://twitter.com/zlj517/status/1239112822908276736?ref_src=twsrc%5Etfw 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta