Settore turisticoAirbnb licenzia il 25% dei dipendenti. Il ceo: “La crisi cambierà per sempre il modo di viaggiare”

Una scelta drastica. I ricavi attesi per il 2020 sono la metà dell’anno prima. A bloccare le prenotazioni hanno inciso le restrizioni e la preoccupazione per l’economia. Ma in alcuni Paesi europei, spiega il ceo al Financial Times, qualcosa si muove

La crisi ha messo in ginocchio il settore dei viaggi e delle vacanze. Anche AirBnb, la piattaforma di prenotazione americana, è stata colpita con durezza. Come ha dichiarato il 5 maggio, l’azienda è pronta a mandare a casa il 25% dei suoi dipendenti: 1.900 persone su 7.500. L’11 maggio sarà il loro ultimo giorno di lavoro. La pandemia, secondo le previsioni, dimezzerà i ricavi a livello globale (nel 2019 erano 4,8 miliardi di dollari).

Il fenomeno è globale: il coronavirus ha messo in grave difficoltà il mondo alberghiero, le compagnie aeree e i tour operator, innescando una crisi mai vista prima d’ora

A incidere non sono soltato le restrizioni ai movimenti messi in atto dai diversi Paesi. Anche gli effetti del virus sull’economia spingeranno molte famiglie a cancellare viaggi e vacanze. Secondo una ricerca di Boston Consulting Group su un campione di 7mila soggetti, il 50% degli intervistati americani e il 70% di quelli britannici ha deciso di limitare le spese per gli spostamenti per i prossimi sei mesi.

Ci sono però anche segnali positivi. Come spiega in un’intervista sul Financial Times l’amministratore delegato di AirBnb, ci sarebbe un aumento delle prenotazioni in alcuni Paesi europei. Danimarca e Olanda, soprattutto, ma anche Austria, Svezia e Svizzera. «La ripresa è meglio di quanto avessimo previsto due settimane fa», ha dichiarato. In Danimarca le prenotazioni sarebbero al 90% rispetto ad aprile 2019 e in Olanda all’80%.. «Ma è una cosa temporanea? È definitiva?».

La verità è che la crisi, come uno tsunami, ha spazzato via tutto: i guadagni per gli host europei sono al 50%. «Una crisi porta con sé sempre molta chiarezza», aggiunge. «Per noi la chiarezza è sapere che le persone vogliono ancora spostarsi. Ma viaggiare non sarà più come prima. Rimarrà alterato per sempre».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta