La grafica EurostatQuante infermiere e ostetriche ci sono in Europa

Sono 4,5 milioni. Germania, Finlandia e Belgio sono quelli che ne hanno di più in rapporto al resto dei lavoratori. Lussemburgo e Bulgaria in fondo alla classifica. Mentre l’Italia è sotto la media dell'Unione

Medici, infermieri e il resto del personale sanitario sono in prima linea nella lotta per salvare vite umane dalla pandemia di coronavirus. Li applaudiamo dai balconi e li chiamiamo eroi. Ma non sapevamo quanti sono, prima che che lo dicesse Eurostat. Nel 2019, c’erano 4,45 milioni di infermieri e ostetriche impiegati nell’Unione Europea. Mezzo milione in più rispetto al 2012.

Se guardiamo alla totale della forza lavoro europea, gli infermieri e le ostetriche nel 2019 erano il 2,2 per cento. La Germania ha la quota più alta (3,4 per cento) seguita da Finlandia (3 per cento), Belgio (2,9 per cento) e Irlanda (2,8 per cento).

Al contrario, 11 dei 27 Stati membri dell’UE hanno registrato quote di infermieri e ostetriche pari o inferiori all’1,5 per cento nell’occupazione totale nel paese. La quota più bassa è stata dell’1,1 per cento, registrata in Bulgaria, seguita da vicino da Lettonia e Lussemburgo (entrambi 1,2 per cento), L’Italia all’1,8 per cento è a quindicesimo posto, sotto la media europea.

Leggi il rapporto completo sul sito di Eurostat 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta