2020I tredici vincitori del premio dell’Unione europea per la letteratura

Il concorso che ogni anno dà un po' di notorietà agli scrittori emergenti di tutto il Continente. Come il kosovaro Shpëtim Selmani, autore de “L’Opuscolo dell'amore”, o il cipriota Stavros Christodoulou che ha scritto “Il giorno in cui il fiume si è bloccato”. Per la prima volta ha vinto anche un libro in catalano

C’è un premio letterario dell’Unione europea che ogni anno dà un po’ di fama a 13 scrittori del Continente. Uno per ogni nazione che partecipa al concorso. L’importante quindi non è vincere (l’assegno è di cinquemila euro come il premio Strega) ma farsi conoscere dagli addetti ai lavori. Librai, autori e critici che scelgono l’autore emergente del proprio Paese. Emergente, non esordiente. E soprattutto le cui opere non siano state tradotte in troppi Paesi. L’obiettivo è far conoscere negli altri Paesi europei, e far circolare cultura.

L’autore deve aver scritto almeno due romanzi (massimo 4) di cui uno nominato nel corso dei cinque anni precedenti. Nel 2019 la giuria italiana scelse come miglior scrittore emergente europeo, il perugino Giovanni Dozzini, con “E Baboucar guidava la fila” (MinimumFax).

Il premio è stato creato dalla Commissione europea nel 2009 ed è sostenuta dal programma Europa creativa, ma non partecipano solo i 27 Stati membri. ci sono anche Islanda, Norvegia, Albani, Bosnia Erzegovina, Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia, Georgia, Moldavia, Ucraina, Tunisia, Armenia, Kosovo e Regno Unito.  Premiarli tutti in una volta sarebbe impossibile. Già è difficile dare spazio a 13 vincitori, figuriamoci 41.

Per questo ogni anno cambia il numero di nazioni che possono partecipare. Così nell’arco di tre anni sono rappresentati tutti i Paesi e tutte le aree linguistiche d’Europa. I Paesi con due lingue ufficiali hanno più chance di partecipare. Per esempio il Belgio quest’anno è rappresentato da un’autrice francofona, mentre autori belgi fiamminghi hanno partecipato nel 2010 e 2016. Per la prima volta il premio dedicato alla Spagna andrà per la prima volta in assoluto a un libro in catalano.

Estratti dai 13 libri vincitori del premio vengono poi tradotti e presentati in un’antologia che si può scaricare direttamente dal sito. Ecco la lista completa con i commenti delle varie giurie nazionali

Nathalie Skowronek (Belgio) – La carte des regrets (La mappa dei rimpianti), Parigi, Grasset, 2020,
La carta dei rimpianti è un libro di grande maestria e potente sobrietà, scritto attorno a un tema – quello delle scelte di amore e di vita – ma pronto a effusioni sfacciate. Qui, la dimensione psicologica intrecciata al conflitto tra lealtà e libertà si nutre di un ritratto femminile radicato ai suoi tempi, con i suoi punti ciechi e impensabili. Con questo libro, Nathalie Skowronek conferma l’approccio di una scrittrice che non produce nulla per facilitare e una grande coesione del suo lavoro complessivo.

 

Lana Bastašić (Bosnia-Erzégovina) Uhvati zeca (Prendi il coniglio) Sarajevo, Buybook, 2019
Il romanzo Uhvati zeca presenta un approccio originale al problema dell’identità e i lettori sono avvisati che le eroine si sono formate in una cultura con un canone letterario maschile (…) Crediamo fermamente che questo romanzo troverà nuovi lettori in nuove lingue e (che ) può aiutare a illuminare l’eredità oscura delle guerre dopo lo scioglimento della Jugoslavia. 

Maša Kolanović (Croazia) Poštovani kukci i druge jezive priče (Cari insetti e altre storie spaventose), Zagabria, Profil knjiga d.o.o., 2019
Con una sapiente narrazione, l’autore crea una sorta di ansia esistenziale kafkiana che va oltre la descrizione della comunità locale che colpisce i punti dolenti della società globalizzata. Il consumo che sostituisce l’umanità, la maternità di cui non è decente parlare, le banche come pilastri sinistri della nostra società, aggiunge intensificando voglie malsane … questo è il mondo esplorato in questa prosa magistralmente scritta (…) I problemi sono universali, quindi i personaggi sono facili da identificare, ma il valore principale di questa narrazione non è solo la narrazione, ma la compassione e l’umanità dell’autore. Storie oscure e assurde, ma profondamente intime, potenti e socialmente sensibili. In breve, un libro abilmente scritto, coraggioso e stranamente buono.

Stavros Christodoulou (Cipro) Τη μέρα που πάγωσε ο ποταμός (Il giorno in cui il fiume si è bloccato), Atene, Kastaniotis Publications, 2018
L’assassinio di un famoso pittore ad Atene è il punto di partenza ingannevolmente semplice di questo romanzo. Mentre la storia segue il protagonista principale, la narrazione si concentra su una varietà di luoghi geografici e condizioni umane, il che si traduce in un elemento di seducente cosmopolitismo che conferisce al romanzo una trama distinta e dà ampiezza e profondità alla trama. (…) Il comitato ritiene che il romanzo di Christodoulou sia il più adatto per il premio in quanto possiede qualità che attireranno lettori, traduttori ed editori europei

Asta Olivia Nordentoft (Danimarca) Penge på lommen (Denaro nella tua tasca), Copenhagen, Basilisk, 2020,
Penge på lommen è il primo volume di un’opera pianificata in sette volumi, una cosiddetta settologia, sulla “Stella scandinava” e sul disastro del fuoco che è costato la vita a 159 persone la notte del 7 aprile 1990. Abbiamo esplorato attraverso il narratore il connessione tra economia e vita umana, e il libro appare quasi come un manifesto pronto per la battaglia. La lingua è bella, narrativa e molto figurativa (…) Un romanzo incredibilmente bello e spaventoso

Made Luiga (Estonia) Poola poisid (Ragazzi polacchi), Tallinn, Strata, 2019, Language
Il romanzo è stato scelto per il suo concetto e leitmotiv (gli ideali incontrano la realtà) che è universale in ogni società contemporanea. Il secondo argomento era la padronanza dello stile e del linguaggio dell’autore, unica nella letteratura estone. Il romanzo non è limitato dalle particolarità regionali o nazionali ed è in questo senso veramente europeo. (…) Il poisid di Poola sarebbe un degno esempio di letteratura estone sul mercato europeo dei libri.

Matthias Nawrat (Germania) Der traurige Gast (L’ospite triste), Berlin, Rowohlt, 2019
Il romanzo Der Traurige Gast di Matthias Nawrat riflette sulla logica e linearità della storia e sulla sua presunta causalità. A poco a poco, Matthias Nawrat condensa i temi principali della migrazione e, come contromovimento, l’esplorazione della patria e riflette su di essi attraverso diversi personaggi. (…) Der traurige Gast è un romanzo tranquillo ma urgente, scritto in una lingua ricca di associazioni, che lascia spazio anche a una scintilla confortante di speranza residua.

Shpëtim Selmani (Kosovo) Libërthi i dashurisë (L’opuscolo dell’amore), Prishtina, Armagedoni, 2019
Il libro di Shpëtim Selmani è una novità nella prosa albanese. Il suo romanzo è una composizione ibrida di diversi generi (…) e questa miscela di stili potrebbe adattarsi al termine inventato dall’autore polacco Olga Tokarczuk: “il romanzo della costellazione” (…) Usa il frivolo per riflettere su argomenti mai discussi come il incontro crudele e doloroso dell’individuo con il collettivo, aprendo così domande che sembrano tangibili nel contesto globale del mondo post-pandemia.

Francis Kirps (Lussemburgo) Die Mutationen: 7 Geschichten und ein Gedicht (Le mutazioni: 7 storie e una poesia), Lussemburgo, Hydre Editions, 2019
La giuria è stata particolarmente colpita dai sapienti intrecci intertestuali, dal trapianto di trame e personaggi e dalla loro rifusione in nuovi modi senza precedenti. Mentre la consapevolezza dei pretesti accresce senza dubbio il piacere della lettura, le storie di Kirps riescono comunque a resistere da sole, poiché sono interamente trasportate da una voce autoritaria attentamente elaborata e potente e dall’eccezionale forza del potere immaginario di Kirps.

Stefan Bošković (Monténégro), Ministar (Ministro), Podgorica, Nova Knjiga, 2019
Il titolo stesso del romanzo di Bošković segna chiaramente il punto di partenza. Il suo ministro non è una metafora di nulla o la chiave per incarnare nessuno degli attuali politici balcanici del Montenegro. In poche parole, il ministro di Boskovic è innanzitutto un dilettante. Il ragno si perde in un gioco irresistibilmente attraente (…) di egomania, frustrazioni personali e potere politico. (…) Il romanzo di Bošković, non solo non tradisce le aspettative, ma sbircia dietro le quinte della simulazione del sistema, toccando luoghi in cui la letteratura delle lingue slave meridionali non ha viaggiato finora.

Petar Andonovski (Macedonia del Nord), (Petar Andonovski), Paura dei barbari, 2018
Страв од варвари è un breve romanzo scritto come un filo di due storie intercambiabili, raccontate da due voci femminili (…) ognuna delle due narrazioni contiene molte storie aggiuntive e intrecciate. È questa moltiplicazione delle storie e la diversità dei modi in cui vengono raccontate (…) che rende questo libro eccitante, leggibile e dinamico. (…) Il romanzo collega abilmente due mondi abbastanza distanti: quello di Post-Chernobyl Ucraina / SSSR e quello di una isolata isola isolana greca. Citando la poesia di Konstantinos Kavafis e invocando il romanzo di J. M. Coetzee Aspettando i barbari, si può anche leggere alla luce dei problemi derivanti dalla recente crisi dei rifugiati, come la percezione dell’alterità e il posizionamento dei confini europei. È quindi un contributo alle esplorazioni letterarie delle nozioni di “straniero” e “barbaro” come giustapposte a “indigeni” e “civili”, mettendo in discussione la loro esistenza effettiva presentando il processo della loro costruzione.

Maria Navarro Skarange (Norvegia) Bok om sorg La storia di Nils nel bosco, 2019
“Bok om sorg (Fortellingen om Nils i skogen)” è un romanzo saggio e facilmente accessibile su un argomento per il quale non esistono spiegazioni semplici e in cui le risonanze sono profonde e ricche. Frasi semplici e osservazioni acute creano una storia quasi trasparente. La vita si svolge in uno spettro sfumato e ampio in un modo estremamente efficace e concentrato di dire. In un linguaggio diretto, diretto e sobrio attraverso 240 brevi passaggi, una drammatica storia familiare si evolve gradualmente

Irene Solà (Spagna). Canto jo I la muntanya balla (canto io la montagna balla), Barcellona, ​​Anagrama, 2019
La giuria ha selezionato questo lavoro per la ricchezza, la naturalezza e l’espressività del suo linguaggio, per il modo poetico e fantasioso di spiegare una serie di storie situate in un contesto naturale e di confine, attraverso vari narratori, alcuni inaspettati. Un romanzo che unisce bellezza e tenacia, con il suo universo narrato in uno stile vigoroso e sorprendente.

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta