Grand TourL’Europa inizierà ad aprire le frontiere esterne dal primo luglio

L’Alto rappresentante dell’Unione europea Josep Borrell ha annunciato anche che la riapertura dei confini interni degli Stati membri dovrebbe regolarizzarsi a fine mese. Nel frattempo la Germania sospende i controlli per i cittadini Ue e l’Austria accoglierà i turisti italiani dal 16 giugno

Afp

«Vari Stati membri stanno riaprendo le frontiere interne» e il quadro dovrebbe essere completato «entro questo mese di giugno». La ha annunciato l’Alto rappresentante dell’Ue, Josep Borrell, dopo il collegio dei commissari.

La riapertura totale avverrà in un secondo momento, con una «revoca graduale e parziale delle frontiere esterne, a partire dal primo di luglio» continua Borrell.

Nel frattempo l’Austria ha dichiarato che riaprirà il 16 giugno il confine con l’Italia. Anche se, come ha comunicato il ministro degli Esteri Alexander Schallenberg, resterà in vigore l’invito alla cautela per la Lombardia.

La Germania invece toglierà i controlli alle frontiere nei confronti dei cittadini dell’Ue dal 16 giugno, ha detto il ministro dell’Interno tedesco Seehofer in conferenza stampa a Berlino. La decisione è stata presa nel gabinetto di Angela Merkel. «Continueremo a monitorare lo sviluppo della situazione nei paesi vicini», ha spiegato il ministro, che darà ordine di ridurre i controlli progressivamente fino al 15 giugno.

«Sul tema dei flussi turistici siamo riusciti a far prevalere lo spirito europeo avviando dei dialoghi internazionali fondamentali. Le visite a Berlino, Lubiana e Atene hanno dato una scossa importante» ha scritto su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

«Dopo Germania, Francia, Grecia e Svizzera, oggi anche l’Austria ha infatti annunciato che riaprirà i suoi confini verso l’Italia. Proprio ieri avevo affrontato nuovamente il tema in una telefonata con il ministro austriaco Alexander Schallenberg. E ringrazio Vienna per la scelta, di buon senso» continua il post.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta