Neofascisti alla portaÈ stato ordinato il sequestro della sede romana di CasaPound

Il movimento di estrema destra occupa l’edificio da 17 anni, oggi la Procura di Roma ha notificato la misura preventiva con l’accusa di «occupazione abusiva»

Andreas SOLARO / AFP

CasaPound costretta allo sgombero della sua sede storica di Via Napoleone III a Roma, occupata da 17 anni. La notizia è partita dalla viceministra all’Economia Laura Castelli e questa mattina si è concretizzata con la notifica del sequestro dello stabile da parte delle forze dell’ordine.

«Ci lavoriamo da tanto, finalmente si ristabilisce la legalità», si legge in un post su Twitter della sottosegretaria Castelli, seguita subito dalla sindaca Virginia Raggi, che ha scritto «finalmente qualcosa si muove».

 

Il movimento di estrema destra guidato da Simone Di Stefano dovrà lasciare lo stabile nel quartiere Esquilino della capitale illegalmente occupato.

A notificare il provvedimento, chiesto dalla procura e ottenuto dal Gip del tribunale di Roma, sarà la Digos. Il reato contestato è quello di occupazione abusiva.

CasaPound a marzo ha occupato una serie di stabili dell’Aeronautica militare in via delle Baleniere, a Ostia. Il ministero della Difesa ha già chiesto alla prefettura di procedere con lo sgombero.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta