«Terra di mafia e terremoti»L’assurdo spot di EasyJet sulla Calabria

La scritta è comparsa sul sito ufficiale della compagnia aerea low cost, che ha fatto rapidamente dietrofront tentando di giustificarsi: «L’intento originale voleva essere nobile, quel testo voleva sottolineare quanto la Regione sia sottovalutata all’estero da un punto di vista turistico»

Sito EasyJet

«Questa regione soffre di un’evidente assenza di turisti a causa della sua storia di attività mafiosa e di terremoti». È questa la scritta comparsa sul sito ufficiale della compagnia aerea low cost EasyJet in una pagina che pubblicizza la Calabria.

Secondo EasyJet la Calabria soffre anche la mancanza «di città iconiche come Roma o Venezia capaci di attrarre i fan di Instagram». Mentre se il turista è in cerca di «un piccolo assaggio della dolce vita, senza troppi turisti» allora è nel posto giusto.

In mattinata la compagnia ha fatto rapidamente marcia indietro cercando di spiegare l’obiettivo di quel testo. «Ci dispiace molto se queste parole hanno offeso qualcuno» hanno fatto sapere, cercando di arginare i furibondi commenti sui social. La descrizione, annuncia la compagnia, verrà rapidamente rimossa e sarà promossa «un’indagine interna per capire come questo possa essere accaduto e fare in modo che non succeda più in futuro».

«L’intento originale voleva essere nobile, quel testo voleva sottolineare quanto la Calabria sia sottovalutata all’estero da un punto di vista turistico» ha tentato di giustificarsi la compagnia.

Tentativo decisamente poco riuscito, viste l’ondata di critiche arrivate sui social. «Una sola parola per EasyJet: vergogna! La Calabria è una terra meravigliosa con persone eccezionali. La Calabria è una terra che accoglie e, con buona pace di chi scrive il contrario, è una regione non soffre di assenza di turisti. EasyJet deve chiedere scusa e, prima di scrivere di Calabria, dovrebbe documentarsi meglio» ha commentato il senatore di Italia Viva Ernesto Magorno.

Dello stesso avviso il ministro per la Coesione Territoriale, Peppe Provenzano, che su twitter ha scritto: «Easyjet chieda scusa, alla Calabria e all’Italia. Non c’è altro da aggiungere».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta