Tra Plotino e la giustizia socialeLa piccola filosofia dietro i cartelli usati nelle manifestazioni

Sono cortei organizzati, ma che lasciano molto spazio all’improvvisazione (ed è un bene). Gli slogan sono richieste politiche. Ma anche parole che fanno pensare

CREDITDAVID DEE DELGADO / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / GETTY IMAGES VIA AFP

Sono già tre settimane di disordini e i cartelli esposti durante i cortei sono ancora scritti a mano.

Sono cortei organizzati, ma solo un po’. Nessuno sembra al comando, non ci sono ufficiali che diramano gli ordini, nessuno decide gli slogan e nessuno stampa i cartelli. È un fenomeno anarchico, in senso positivo. E, nel più positivo dei modi anarchici, quasi tutti sembrano osservare una sorta di auto-disciplina.

Lo si vede negli slogan, appunto. Non c’è solo “Black Lives Matter” (“Le vite dei neri contano”), che è quello dominante, ma anche “No Justice No Peace” (“Niente giustizia, niente pace”) e da lì in poi anche le proposte politiche, come “Defund the Police” (“Via i fondi dalla polizia”) e “Abolish the Police” (“Abolire la polizia”) (che avviene quando lo spirito anarchico sfugge un po’ di mano, anche solo per uno scatto di entusiasmo), con nessuno slogan estraneo. Ecco.

Ora però va fatta una riflessione più profonda. Un uomo sta camminando sotto la mia finestra tenendo in alto un manifesto ancora diverso: «“Matter” is the Minimum» (“Contano” è il minimo – ma anche “La materia è il minimo”) . Fa impressione.

È costui Plotino, che cammina per le strade per ricordarci che l’astrazione è il livello più alto? No, è una richiesta di giustizia sociale.

Eppure, continuo a chiedermi se, invece, non sia espresso anche qualche cosa di più trascendentale. Vado su Google, che mi spiega che “Matter” is the Minimum” gira da un po’. È associato con gli atleti. Che strano.

Avrei dovuto rincorrere quell’uomo col manifesto per fargli domande sulla sua scuola filosofica, la sua provenienza e la sua dottrina. E se la sua scuola avesse prodotto anche altre opere.

(Articolo pubblicato in inglese su Tablet)

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020