I sommersi e i salvatiL’appello per interrompere i finanziamenti alla guardia costiera libica

Una richiesta diretta al governo italiano e una mobilitazione in piazza San Silvestro a Roma lunedì 27 luglio alle 18.00. Tra i firmatari Luigi Manconi, Roberto Saviano, Emma Bonino, Sandro Veronesi, Nadia Terranova, Nello Scavo e Matteo Orfini

Carmelo Magnafico

Lunedì 27 luglio alle 18.00 in Piazza San Silvestro a Roma andrà in scena “I sommersi e i salvati”, la mobilitazione nazionale per chiedere al Governo italiano e agli Stati europei di interrompere i finanziamenti alla cosiddetta guardia costiera libica, di chiudere ed evacuare i centri di detenzione trasferendo i migranti fuori dalla Libia e di promuovere corridoi umanitari per garantire alle persone in fuga di trovare protezione senza mettere a repentaglio la propria vita.

«Gli uomini, le donne e i bambini che prendono il mare dalle coste libiche fuggono da situazioni di estrema miseria, regimi dispotici, persecuzioni tribali, conflitti etnici, guerre e catastrofi ambientali. E in Libia sono sottoposti a violenze, estorsioni, detenzione, sevizie, stupri e torture» si legge nell’annuncio social.

Il 16 luglio la Camera dei Deputati per il quarto anno consecutivo ha approvato il finanziamento della missione italiana in Libia, che prevede il sostegno economico alla guardia costiera libica e un’attività di formazione e addestramento dei suoi componenti. Come raccontato a Linkiesta da Matteo Orfini (Partito democratico), si tratta di «un atto gravissimo».

«Su tutto ciò non vogliamo tacere e, ciascuno nel suo campo e con le sue risorse, proponiamo all’opinione pubblica i seguenti obiettivi, che corrispondono ad altrettante irrinunciabili urgenze» continua il manifesto di  “I sommersi e i salvati”.

Un appello, quindi, che avanza richieste precise: «Non più fondi alla guardia costiera libica: non si deve finanziare un corpo non ufficiale che svolge il lavoro sporco respingendo le persone intercettate in mare e imprigionandole in decine e decine di centri di detenzione» si legge.

E ancora: «Chiusura ed evacuazione dei centri di detenzione e trasferimento dei migranti  fuori dalla Libia: sappiamo a quali orrori sono sottoposte le persone rinchiuse nei centri – governativi e non – in mano a milizie e trafficanti. Queste strutture vanno chiuse».

Per poi ristabilire «corridoi umanitari per garantire alle persone in fuga di trovare protezione senza mettere a repentaglio la propria vita: l’Italia, d’intesa con altri Stati europei, deve promuovere una grande operazione umanitaria per il trasferimento e il reinsediamento nei paesi di accoglienza delle persone evacuate: così come avviene da anni, se pure per gruppi ristretti, grazie all’opera di organizzazioni internazionali e realtà private di ispirazione religiosa».

La mobilitazione sarà accompagnata dalle letture di Ascanio Celestini e Valentina Carnelutti.

Tra i promotori e i primi firmatari dell’appello:
Luigi Manconi
Roberto Saviano
Valeria Parrella
Michela Murgia
Sandro Veronesi
Luigi Ferrajoli
Elena Stancanelli
Alessandro Bergonzoni
Nadia Terranova
Ascanio Celestini
Fabrizio Gifuni
Nello Scavo
Maurizio Maggiani
A Buon Diritto
Ero straniero – L’umanità che fa bene
Sea Watch
Open Arms Italia
Mediterranea Saving Humans
Mediterranean hope
Medici Senza Frontiere
Centro Astalli
Fondazione Casa della carità “A. Abriani”
Amnesty International
Acli – Associazioni cristiane lavoratori italiani
Coalizione Italiana Libertà e Diritti civili
Arci nazionale
Oxfam Italia
Terra
Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza – CNCA  ActionAid Italia
Legambiente Onlus
Radicali
Intersos
Baobab Experience
Alterego – Fabbrica dei diritti
Emma Bonino
Riccardo Magi
Gianni Cuperlo
Matteo Orfini
Erasmo Palazzotto
Laura Boldrini
Alessandro Capriccioli
Gad Lerner
Teresa Ciabatti
Hamid Ziarati
Christian Raimo
Chiara Valerio
Roberto Alajmo
Caterina Bonvicini
Antonio Leotti
Riccardo Chiaberge
Valerio Nicolosi
Riccardo Rodolfi
Silvia Giagnoni
Massimo Coppola

Per aderire all‘appello

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta