Massima cautelaLa Bce ha prolungato lo stop ai dividendi fino a gennaio 2021

L’obiettivo è consentire alle banche di conservare la loro «capacità di assorbire le perdite e fare in modo che l’attività creditizia sostenga l’economia»

Unsplash

La Bce ha chiesto alle banche di evitare di pagare dividendi e di non effettuare acquisti di azioni proprie fino al prossimo mese di gennaio. Ha chiesto inoltre massima cautela nella politica di «remunerazione variabile», ovvero dei bonus ai vertici. Alla luce delle incertezze ancora legate al diffondersi del coronavirus, la banca centrale ha così allungato la precedente raccomandazione valida fino ad ottobre.

L’annuncio, atteso sul mercato, arriva dalla Vigilanza della Banca centrale guidata dall’italiano Andrea Enria. La Bce ha comunque precisato che rivedrà le sue raccomandazioni nel quarto trimestre del 2020. Questa raccomandazione, spiega la Bce, «resta temporanea ed eccezionale». L’obiettivo è consentire alle banche di conservare la loro «capacità di assorbire le perdite e fare in modo che l’attività creditizia sostenga l’economia».

«I risultati mostrano quanto sia importante che le banche abbiano rafforzato la propria posizione patrimoniale negli ultimi anni a seguito delle riforme normative post crisi finanziaria. Le misure straordinarie e coordinate di sostegno politico hanno già contribuito a mitigare l’impatto della pandemia sull’economia» ha commentato Andrea Enria, presidente del Consiglio di Vigilanza Bce.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta