Naked AthenaLa donna nuda che ha affrontato gli agenti inviati da Trump è l’immagine della riscossa

Dopo alcuni passi di danza, si è seduta a gambe larghe di fronte alla polizia in tenuta antisommossa inviata a Portland a causa delle proteste per la morte di George Floyd

twitter

Una donna completamente nuda, se non per un cappello e la mascherina, contro le truppe dell’esercito inviate a Portland dal presidente Trump a causa delle proteste per la morte di George Floyd, che nella città dell’Oregon non accennano a placarsi.

È l’immagine che sta facendo il giro del mondo. La donna sabato scorso si è seduta a gambe larghe di fronte a uno schieramento di agenti in tenuta antisommossa, intenti fino a quel momento a lanciare lacrimogeni sui manifestanti. Dopo alcuni passi di danza, la donna, ribattezzata “Naked Athena”, si è seduta per terra assumendo una posizione da yoga e affrontando i poliziotti prima che si ritirassero.

Una performance durata quindici minuti che ha riportato alla memoria altre occasioni storiche di manifestanti nudi che hanno affrontato militari armati. Come si legge in un thread su Twitter (@lotticarlotta) il gesto di Naked Athena richiama la pratica dell’anasyrma, che nell’antica Grecia stava per “sollevamento della gonna” e la conseguente esposizione della vagina o delle natiche durante riti religiosi o erotici.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta