Evasore in chiefTrump non ha pagato le tasse per 10 anni, dice il New York Times

Il giornale statunitense: «Non ha pagato alcuna imposta sul reddito in 10 dei 15 anni precedenti, in gran parte perché ha denunciato di aver perso molto più denaro di quello che ha guadagnato»

Donald Trump
ALEX WONG / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / Getty Images via AFP

Donald Trump non avrebbe pagato tasse federali sul reddito in 10 degli ultimi 15 anni. Lo scoop, che arriva a cinque settimane dalle elezioni, è stato pubblicato dal New York Times, che ha ottenuto alcuni dati delle dichiarazioni fiscali del presidente americano secondo le quali il tycoon avrebbe debiti per centinaia di milioni, con diversi problemi legati alle proprietà della Trump Organization e una serie di operazioni di storno per evitare di pagare il dovuto al fisco.

Nel 2016, spiega l’articolo, l’anno della sua elezione alla Casa Bianca, Trump avrebbe pagato appena 750 dollari di tasse. Il New York Times ha precisato che il capo della Casa Bianca ha pagato la stessa cifra nel suo primo anno in carica. «Non ha pagato alcuna imposta sul reddito in 10 dei 15 anni precedenti, in gran parte perché ha denunciato di aver perso molto più denaro di quello che ha guadagnato» continua l’articolo.

Allo stesso Trump sarebbero imputabili prestiti e debiti per 421 milioni di dollari. Ragion per cui sarebbe in corso una «battaglia decennale con l’Agenzia delle Entrate sulla legittimità di un rimborso fiscale di 72,9 milioni di dollari che ha rivendicato e ricevuto dopo aver dichiarato enormi perdite». E ancora: «Una sentenza avversa potrebbe costargli oltre 100 milioni di dollari» svela il New York Times.

La risposta di Trump non si è fatta attendere: «Sono fake news, solo fake news» ha commentato il presidente durante una conferenza stampa alla Casa bianca. «Negli ultimi decenni il presidente Trump ha pagato decine di milioni di dollari in tasse personali al governo federale, compresi milioni di dollari da quando ha annunciato la sua candidatura nel 2015», ha poi aggiunto con una nota il legale della Trump Organization.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta