5G in arrivoApple presenta il nuovo HomePod Mini e il nuovo iPhone

In arrivo sul mercato i prodotti di ultima generazione della mela, annunciati con un video in diretta su più piattaforme chiamato “Hi, Speed” proprio per annunciare il nuovo standard per navigare online ad alta velocità

Immagine tratta dal profilo Facebook di Apple

Apple ha svelato il nuovo smart speaker HomePod Mini e i nuovi iPhone con la tecnologia 5G, presentati durante il keynote in diretta in tutto il mondo dallo Steve Jobs Theater, l’auditorium dedicato al defunto fondatore dell’azienda, situato all’interno dell’Apple Park di Cupertino, vicino San Francisco, nel cuore della Silicon Valley.

Una presentazione atipica, in streaming e senza pubblico per le limitazioni dovute al coronavirus, in leggero ritardo rispetto agli altri anni: il tradizionale evento di presentazione degli iPhone di solito si svolge a settembre.

Grande attenzione, fin dall’inizio viene dedicata al tema della sicurezza: Tim Cook ha annunciato che la tecnologia 5G oltre ad essere più performante, con velocità di navigazione e di donwload elevatissime, è anche molto più sicura e protetta rispetto alle connessioni di vecchia generazione.

Come anticipato dagli ultimi rumors, sono stati presentati quattro modelli: iPhone 12 Mini, iPhone 12, iPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro Max, tutti equipaggiati con tecnologia 5G, la novità più grande e più attesa: non a caso l’evento è stato chiamato “Hi, Speed” proprio per annunciare il nuovo standard per navigare online ad alta velocità.

MagSafe è invece il sistema di ricarica wireless a 15W: il nuovo iPhone ha magneti ottimizzati per l’allineamento e l’efficienza. I nuovi caricatori avranno custodie protettive, e i magneti per iPhone 12 supporteranno accessori esterni incluso un simpatico portafoglio MagSafe e un caricabatterie MagSafe Duo per iPhone e Apple Watch, che può essere ripiegato come un libro e trasportato con maggior confort.

Una grande novità che si lega a una piccola rivoluzione anche nel packaging, quindi in ambito climatico. Entro il 2030, Apple vuole avere un impatto climatico nullo, compresa la catena di approvvigionamento della produzione e i cicli di vita dei prodotti. Per questo il packaging sarà ridotto rispetto agli standard: in questo modo, riducendo le confezioni, l’azienda potrà ridurre l’impatto ambientale delle sue operazioni.

I nuovi modelli sono tutti dotati di schermi Oled Super Retina XDR, una tecnologia che garantisce un’ottima resa dei colori, e un maggiore contrasto e un minor consumo di batteria rispetto agli schermi Lcd.

I nuovi schermi inoltre saranno ancora più resistenti, con il nuovo vetro Ceramic Shield che «garantisce una resistenza 4 volte superiore rispetto al passato».

Per quanto riguarda il processore, i nuovi modelli hanno l’ultima versione dei prodotti sviluppati da Apple per i propri dispositivi mobili. Il video di presentazione conduce direttamente nei laboratori dove vengono progettati i nuovi chip: sono gli A14 che sostituiscono gli A13 dell’iPhone 11 e hanno caratteristiche paragonabili a quelle dei nuovi iPad Air. Un chip con 11,8 miliardi di transistor, in aumento del 40% rispetto a A13.

Le funzioni della fotocamera avranno specifiche differenti a seconda dei modelli: gli iPhone 12 Mini e iPhone 12 hanno una fotocamera con grandangolo e una seconda con obiettivo ultragrandangolare. Gli iPhone 12 Pro, invece, ne hanno tre: in più rispetto agli altri due modelli hanno una terza fotocamera con teleobiettivo per ingrandimenti fino a 4X. Discorso diverso per gli iPhone 12 Pro Max: ha una fotocamera ultra wide da 12 MP, wide 12 MP con apertura f/1,6, un obiettivo a 7 elementi e teleobiettivo innovativo con lunghezza focale di 65 mm.

Inoltre ha un nuovo sensore wide più grande del 47 per cento più grande con pixel da 1,7 micron. E il nuovo Apple ProRAW è la nuova funzionalità che offre il controllo delle riprese in RAW: che può operare nell’app Foto o in altre app di editing professionale.

Migliora anche la modalità notturna, grazie a un’apertura più rapida e alla modalità notturna estesa all’ultra-wide e alla fotocamera frontale.

I due modelli più avanzati avranno inoltre un sensore laser chiamato Lidar che permette di rilevare la profondità di campo e quella degli oggetti, utile per migliorare gli effetti della realtà aumentata (cioè l’aggiunta di oggetti virtuali in scenari reali inquadrati dallo smartphone).

Per quanto riguarda il desgin sembra di fare un tuffo nel passato, con gli spigoli vivi che riprendono le forme dei vecchi iPhone 4 e 5, cambiando quindi forme e colori. I quattro modelli hanno dimensioni diverse: il modello 12 Mini ha uno schermo da 5,4 pollici, i due modelli intermedi, 12 e 12 Pro hanno schermi da 6,1 pollici, infine il 12 Pro Max ha uno schermo da 6,7 pollici.

I prezzi: iPhone 12 mMini parte da 699 dollari, iPhone 12 parte da 799 dollari, la versione Pro parte da 999 dollari, e la più avanzata, iPhone 12 Pro Max, parte da 1099.

Il nuovo smart speaker invece si presentano in una versione più piccola ed economica rispetto alla versione venduta finora: serve per ascoltare la musica, podcast, qualsiasi file audio e per usare Siri come assistente domestico.

Lo ha presentato l’azienda di Cupertino con un video lanciato su diverse piattaforme (la diretta su YouTube nel video in apertura). HomePod Mini costerà circa 99 dollari rispetto ai 299 dollari del modello più grande, ma non è ancora chiaro se sarà disponibile in paesi diversi dagli Stati Uniti.

 

Sfoglia la gallery

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta