Finché si puòIl Financial Times consiglia dove andare a correre a Roma

Una serie di percorsi di cinque chilometri in parchi e aree verdi. La capitale, grazie agli ampi spazi verdi, i monumenti magnifici e il clima mite, è una delle città migliori per chi ama il running

Vincenzo PINTO / AFP

Sarà per l’assenza cronica di trasporti, sarà per il traffico intenso, ma Roma è la città italiana perfetta per chi ama correre. Lo dice questo articolo del Financial Times scritto da Davide Ghiglione, parte di una nuova guida della città della serie FT Globetrotter: merito dei suoi ampi spazi verdi, del Tevere e delle meravigliosi visuali che si incontrano più o meno ovunque. Anche l’occhio dello sportivo vuole la sua parte.

Non solo: «La cosa buona di Roma è che si può correre tutto l’anno. Basta mettere una giacca tra dicembre e febbraio, mentre d’estate è meglio uscire al mattino presto» ed evitare la calura.

Con le palestre sotto osservazione e le piscine a rischio, la corsa rimane (per ora) una attività consentita. Anzi, da consigliare, visti i ritmi sedentari imposti da smartworking e coprifuochi.

Il giornale britannico propone una serie percorsi che si snodano per almeno 5 chilometri. Una corsa base. Ognuno è classificato per il suo livello di difficoltà, i vantaggi e gli svantaggi che presenta.

Un esempio: Villa Borghese.

Tiziana FABI / AFP

Si parte da Porta Pinciana, si corre verso il museo e la galleria Borghese, si vira fino al Globe Theatre, una deviazione verso il tempo di Asclepio e poi su fino alla Terrazza del Pincio, con sguardo a Piazza del Popolo. Da lì si riprende con una lunga fase di discesa per tornare al punto di partenza. Se lo si fa tre volte, si totalizzano i cinque chilometri di cui sopra.

È ottimo per tutte le meraviglie artistiche che si incontrano nel giro di pochi minuti, ma ha il problema della folla di turisti, spesso inevitabile (ma va a seconda delle stagioni).

Altrimenti, chi abita a Nord e cerca un percorso più impegnativo, potrà andare a Villa Ada.

ANDREAS SOLARO / AFP

Tra i Parioli e Trieste, è uno dei parchi più grandi di tutta la città. Più selvatico e collinoso, è consigliato ai runner più esperti. Per raggiungere i fatidici cinque chilometri, si entra dall’ingresso situato sulla Salaria, vicino all’ambasciata d’Egitto, si va lungo viale Jean Monnet, si gira intorno alla casetta in fondo e poi si corre per viale Hans e Sophie Scholl. Prima scala a destra, giù fino a Viale Don Luigi di Liegro e poi si raggiunge il laghetto più grande. Dopodiché si torna indietro.

Un bel giro sconsigliato, nelle stagioni primaverili, a chi soffre di allergia.

Una terza opzione (le altre le potete consultare qui) è Villa Torlonia.

GIULIO NAPOLITANO / AFP

Qui era la residenza (in affitto per una lira all’anno) di Benito Mussolini ai tempi del regime. Un parco più piccolo rispetto a Villa Ada, ma molto più elegante. Si parte dall’entrata lungo la Nomentana e si percorre un giro circolare. Ci sono statue, obelischi, la villa stessa, laghetti, una torre e una grotta. Un percorso semplice per i principianti il cui unico ostacolo sono, come spesso accade a Roma, i turisti.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia