Circuiti greenL’app che fa conoscere chi sostiene l’economia circolare

La startup Mercato Circolare vuole far riflettere sull’attuale modello di produzione e consumo connettendo persone, imprese e istituzioni che si impegnano a costruire uno sviluppo sostenibile

Pixabay

Un lavoro di ricerca e scouting di chi si impegna nell’ecosistema dell’economia circolare. È questo ciò che sta dietro l’app di Mercato Circolare.

Rilasciata nella sua nuova versione a settembre 2020, è la prima applicazione che, gratuitamente, mette in comunicazione utenti e realtà che operano secondo i principi dell’economia circolare. Censisce oltre 600 tra aziende e iniziative circolari italiane e internazionali selezionandole sulla base di sette “criteri di circolarità”. Recupero e riciclo, upcycling, input circolari (bio-based e riciclati), estensione vita del prodotto (riparazione, usato, rigenerazione, ricarica), piattaforma di condivisione, prodotto come servizio e infine riduzione impatto e sprechi.

Mercato Circolare

Una volta scaricata l’app, gli utenti possono effettuare ricerche, libere o per categoria di prodotti, servizi, aziende, iniziative, acquistare in loco oppure online, ma anche avanzare proposte di nuovi prodotti, realtà e iniziative al team di Mercato Circolare. «Le realtà censite – sottolinea Nadia Lambiase, presidente e Ceo della startup – possono a loro volta raccontarsi a una comunità attenta ai temi della sostenibilità e promuovere e vendere i propri prodotti, servizi o iniziative».

«Mercato Circolare con il suo lavoro di divulgazione e connessione intende aiutare a riflettere, ragionare e pensare adottando nuovi punti di vista sull’attuale modello di produzione e consumo -sottolinea Lambiase – Come ricorda il Papa nel discorso finale rivolto ai giovani dopo l’evento The Economy of Francesco “dalle crisi non si esce mai uguali a prima. Ma peggiori o migliori”. E sta a noi comprendere, scegliere e agire, per fare ciascuno la propria parte».

La startup Mercato Circolare nasce nel 2018 per rendere applicabile il paradigma dell’economia circolare in termini di conoscenza, ricerca e pratica industriale ibridando l’innovazione tecnologica e quella sociale e culturale. «L’incrocio di queste due direttrici ci consente di diventare una piattaforma che crea connessioni tra cittadini, aziende, associazioni e istituzioni all’interno del paradigma dell’economia circolare, offrendo formazione e consulenza specialistica», ricorda Lambiase. Il team di Mercato Circolare è infatti impegnato nella sperimentazione di nuovi format di divulgazione che uniscono teatro, tecnologia e design.

Non è un caso se l’idea di creare l’app si sviluppa contemporaneamente alla messa in scena dello spettacolo Blue Revolution. L’economia ai tempi dell’usa e getta, seconda produzione teatrale dell’Associazione Pop Economix, che si occupa di fare divulgazione economica attraverso il teatro, il giornalismo e il podcast. «Il lavoro di costruzione drammaturgica ha fatto scoprire tante realtà virtuose di economia circolare in Italia. Dalla decisione di raccontare, durante lo spettacolo, una storia straniera è nata l’idea di creare una app per rendere accessibili a tutti storie di imprese come quella».

Mercato Circolare

Mercato Circolare continua a investire nell’innovazione sociale e culturale ideando format che rendono fruibili a tutti contenuti spesso riservati agli addetti ai lavori. «Dentro il cappello è un progetto nel quale rappresentiamo con grafici semplici documenti complessi sull’economia circolare: siamo partiti dal Nuovo Piano d’azione per l’economia circolare dell’Unione Europea, forti della consapevolezza che il nostro cervello è strutturato per registrare più facilmente immagini che non parole o concetti. Poi c’è Spuntini circolari, una pausa caffè digitale in compagnia di piccoli approfondimenti legati alle realtà censite sulla app. E infine Il cerchio dei racconti, format ancora in costruzione, che sarà un podcast con lettura di fiabe popolari in chiave circolare».

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta ForecastÈ arrivato Linkiesta Forecast + New York Times

Il nuovo super magazine Linkiesta Forecast, in collaborazione con il New York Times, è pronto.

Duecentoquaranta pagine sugli Scenari 2021, le tendenze, l’agenda globale della nuova èra post Covid.

Con interventi di Premi Nobel, di dissidenti, di campioni dello sport, di imprenditori, di artisti, di stilisti, di ambientalisti e delle firme de Linkiesta e del New York Times.

Un progetto straordinario de Linkiesta che si aggiunge al Paper, a K, ad Europea, a Gastronomika, ma reso ancora più eccezionale dalla partecipazione del New York Times, in esclusiva per l’Italia.

Prenotatelo adesso, sarà spedito con posta tracciata a partire dal 7 gennaio (al costo di 5 euro per l’invio), e si troverà anche nelle edicole di Milano e Roma e nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (seguirà elenco).

10 a copia