La diffusione reale della pandemiaUna regione europea su tre ha un numero maggiore di morti per Covid-19 nella seconda ondata

Lo European data journalism network ha raccolto dati da oltre 750 regioni in Europa in modo da monitorare il bilancio reale della pandemia

Unsplash

Pubblicato originariamente sullo European data journalism network

Negli ultimi due mesi gli europei si sono ritrovati ancora una volta al centro della pandemia, mentre il Vecchio continente è alle prese con la seconda ondata. I dati provenienti da 21 paesi europei mostrano che dall’inizio della pandemia sono morte oltre 370.000 persone in più del solito. Queste morti in eccesso sono distribuite in modo molto diseguale in termini geografici, motivo per cui i dati regionali sono più utili di quelli nazionali.

L’analisi delle morti in eccesso in base al momento in cui si sono verificate ci consente anche di confrontare le ondate primaverili e autunnali e ci dà un quadro più chiaro di quali aree la pandemia sta attualmente colpendo più duramente.

Il più alto numero di morti in eccesso in un terzo delle regioni
Oltre un terzo delle regioni europee ha avuto un numero maggiore di morti in eccesso in autunno rispetto a qualsiasi altro periodo di quest’anno. C’è un chiaro schema geografico qui: molti paesi dell’Europa centrale e orientale, ad esempio Polonia, Repubblica Ceca e Bulgaria, sono stati risparmiati dalla prima ondata che ha colpito molti paesi dell’Europa occidentale in primavera, ma ora sono stati duramente colpiti da una seconda ondata.

Le statistiche COVID-19 sono notoriamente difficili da confrontare tra i paesi, poiché le morti sono definite e conteggiate in modi molto diversi. Le morti in eccesso evitano molti di questi problemi e sono più adatte per i confronti internazionali. Tuttavia, questa è anche la misura più lenta, con un ritardo di diverse settimane nella migliore delle ipotesi, quindi i dati completi per l’ultimo mese devono ancora essere disponibili.

Le morti devono ancora raggiungere il picco in diversi paesi europei, quindi il quadro completo della seconda ondata di COVID-19 non è ancora disponibile, ma abbiamo un’istantanea della situazione attuale. Anche così, alcune tendenze sono già evidenti.

Per prima cosa, questa volta il punto di svolta ha impiegato molto più tempo per arrivare. Nella primavera di quest’anno, le morti in eccesso hanno iniziato a salire rapidamente all’inizio di marzo. A metà aprile, circa sei settimane dopo, avevano già raggiunto il picco in tutta Europa. In autunno, tuttavia, le morti in tutto il continente non hanno raggiunto il picco fino a 11 settimane dopo aver ricominciato ad aumentare a metà settembre.

Edjnet

Le morti in eccesso sono meno concentrate in poche regioni colpite
I decessi per COVID-19 in Europa sono stati più alti in autunno che in qualsiasi altro momento quest’anno. Ma mentre la prima ondata ha colpito in modo eccezionalmente duro alcune regioni, come quella di Bergamo in Italia, la nostra analisi mostra che l’impatto del virus è ora più diffuso. In primavera, le 50 regioni più colpite in Europa hanno rappresentato quasi la metà di tutte le morti in eccesso – o “anormali”. In autunno questa percentuale era scesa al 30 per cento.

Circa tre regioni su cinque hanno registrato un numero eccessivo di morti finora questo autunno. Questa è più o meno la stessa proporzione della primavera. Ma questa volta ci sono meno regioni che si distinguono con tassi davvero alti.

In primavera, i decessi erano il doppio dei loro livelli normali in 18 regioni. A Bergamo erano tre volte superiori al solito. In confronto, in autunno, sulla base dei dati disponibili finora, nessuna delle oltre 750 regioni nei nostri dati ha avuto finora morti a livelli doppi rispetto alla norma.

Vale la pena ribadire che, poiché i decessi non hanno ancora raggiunto il picco in tutte le regioni, questa cifra è utile per mostrare una tendenza, piuttosto che un valore esatto. La Svezia, ad esempio, sta segnalando più casi che mai, suggerendo che l’epidemia non ha ancora raggiunto il suo apice. Nel frattempo, l’Italia ha un ritardo insolitamente ampio nella rendicontazione e dispone solo di cifre fino all’inizio dell’autunno.

Edjnet

 

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club