Festina LenteChi sono le donne bielorusse “europee dell’anno”, secondo Linkiesta

Nessun evento degli ultimi anni ha avuto un volto più bello, e coraggioso, della manifestazione permanente che dal 9 agosto scorso - data delle elezioni presidenziali in cui il dittatore ha rubato la vittoria alla leader dell’opposizione Sviatlana Tsikhanouskaya – va in piazza a Minsk e nelle altre città belarusse

LaPresse
Scendono in piazza ormai da mesi. Nonostante tutto. Nonostante i manganelli, gli arresti, i licenziamenti e le minacce. Nonostante a volte sembra che non ci sia nessuna speranza. Se per 26 anni la Bielorussia è stata conosciuta nel mondo principalmente come «l’ultima dittatura d’Europa», come l’aveva definita Condoleezza Rice, oggi è famosa per le sue donne.
Nessuna protesta degli ultimi anni ha avuto un volto più bello, e coraggioso, della manifestazione permanente che dal 9 agosto scorso – data delle elezioni presidenziali in cui il dittatore Aljaksandr Lukašėnka ha rubato la vittoria alla leader dell’opposizione Sviatlana Tsikhanouskaya – va in piazza a Minsk e nelle altre città belarusse.
Non è una rivoluzione soltanto al femminile, anzi: è dal 1989 che nell’Est Europa non si vedeva una protesta più trasversale, che coinvolgesse uomini e donne, vecchi e giovani, capitale e provincia, intellettuali e operai. Ma la rivoluzione di Minsk ha un volto di donna, per parafrasare il titolo del romanzo di un’altra bielorussa celebre, la scrittrice premio Nobel Sviatlana Aleksievič.
Sono state le donne belarusse a fare da scudo umano a una rivoluzione non violenta che rischiava di diventare un massacro, sono state loro a conferire alla rabbia un tocco di ironia, a trasformare la frustrazione della repressione in coraggio e speranza.
Irriverenti come solo le donne sanno essere, hanno ridicolizzato il dittatore che paragonava il Paese che governa a «un’amata che non si può cedere a un altro». Lukašėnka predica una sorta di femminicidio politico. Le bielorusse hanno risposto spazzando via tutti i pregiudizi sulla docilità delle donne dell’Est.
È anche una ribellione contro un dittatore machista, che ha eliminato dal campo politico tutti gli avversari maschi. Il triumfemminato sceso in campo contro Lukašėnka era composto da donne decise a correre in vece dei loro uomini, imprigionati o esiliati dall’autocrate. Non temeva le donne, «la politica non è roba per loro», diceva. Non poteva sbagliarsi di più.
La casalinga Sviatlana Tsikhanouskaya ha vinto le elezioni presidenziali, affiancata dalla manager Veronika Tsepkalo e da Maria Kolesnikova, l’unica politica di professione.
Le prime due sono ora in esilio in Europa, Maria Kolesnikova è in carcere con accuse di sovversione. Ma decine di migliaia di loro consorelle continuano la battaglia, fondendo la tradizione dell’emancipazione ereditata dal periodo sovietico e della Resistenza partigiana ai nazisti con una nuova consapevolezza dei propri diritti e del proprio valore, che porta nell’ultimo pezzo di Urss un’autentica ventata di Europa

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta ForecastÈ arrivato Linkiesta Forecast + New York Times

Il nuovo super magazine Linkiesta Forecast, in collaborazione con il New York Times, è pronto.

Duecentoquaranta pagine sugli Scenari 2021, le tendenze, l’agenda globale della nuova èra post Covid.

Con interventi di Premi Nobel, di dissidenti, di campioni dello sport, di imprenditori, di artisti, di stilisti, di ambientalisti e delle firme de Linkiesta e del New York Times.

Un progetto straordinario de Linkiesta che si aggiunge al Paper, a K, ad Europea, a Gastronomika, ma reso ancora più eccezionale dalla partecipazione del New York Times, in esclusiva per l’Italia.

Prenotatelo adesso, sarà spedito con posta tracciata a partire dal 7 gennaio (al costo di 5 euro per l’invio), e si troverà anche nelle edicole di Milano e Roma e nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (seguirà elenco).

10 a copia