Ultimi della classeCala la produzione industriale: l’Italia tra le peggiori in Europa

Il nostro Paese fa registrare una delle performance più preoccupanti tra gli Stati membri dell’eurozona. A novembre l’andamento dell’industria diminuisce dell’1,4%, in Francia la riduzione si ferma a -0,9%, in Spagna a -0,6% e in Germania aumenta invece dello 0,8%

(Pixabay)

Il Covid-19 continua a pesare sulla produzione industriale italiana, ben oltre le attese degli analisti. Mentre nell’area euro a novembre 2020 si registra un aumento del 2,5% e nella Ue del 2,3%, gli ultimi dati Istat indicano invece nel nostro Paese una diminuzione dell’1,4% rispetto a ottobre.

Nella media del trimestre settembre-novembre la produzione industriale italiana cresce del 2,1% nel confronto con i tre mesi precedenti. Ma in un anno la riduzione tocca quota -4,2%. E nel confronto con febbraio 2020, prima dell’esplosione della pandemia, l’indice destagionalizzato resta inferiore del 3,5%.

La seconda ondata del virus si fa sentire sulla nostra industria, che fatica a riprendere mantenere i numeri positivi macinati nel periodo estivo. A novembre, l’Italia è tra i Paesi europei a registrare le performance peggiori nel gruppo dei big. Mentre da noi la produzione industriale in un mese cala quasi di un punto e mezzo, in Francia la riduzione si ferma a -0,9%, in Spagna a -0,6% e in Germania aumenta invece dello 0,8% (dati Eurostat).

Roma resta tra le ultime anche nelle performance annuali. Dietro di noi, ci sono solo la Bulgaria con -5% e la Francia con -4,9%. Ma in questo caso, in coda alla classifica, si trovano anche Germania e Spagna. Gli incrementi maggiori, nei 12 mesi, si registrano invece in Irlanda (con il record di +52,8%), Grecia e Polonia.

A cadere a picco in Italia sono i beni di consumo. Mentre si registra invece un modesto incremento per i beni intermedi. Se si guarda ai principali raggruppamenti di industria, tutti i comparti risultano in diminuzione su base annua. La produzione dei beni intermedi cala dello 0,2%, i beni strumentali sono a -2,8%, mentre per i beni di consumo si arriva al meno 9,8%, e per l’energia a meno 5,6%.

I settori che registrano i maggiori incrementi tendenziali sono la fabbricazione di apparecchiature elettriche (+5,9%), la fabbricazione di prodotti in gomma e plastica (+2,9%) e di mezzi di trasporto (+2,3%). Maglia nera invece per l’industria tessile, abbigliamento, pelli e accessori, che segna un drastico calo del 26,7%. A seguire i prodotti petroliferi a -18,3% e quelli farmaceutici a -8,2%. Da segnalare anche il -6% dei computer e dell’elettronica, nonostante la “stay-at-home economy” e lo spostamento di molte attività sul digitale potrebbero lasciare presagire il contrario.

Dall’inizio dell’anno, le attività manifatturiere nel complesso fanno registrare un calo del 12,9% rispetto al 2020. Il dato di novembre – spiegano da Istat nella nota mensile sull’andamento dell’economia – «conferma la fase di attenuazione del processo di recupero dei ritmi produttivi» dopo i segnali positivi dell’estate, che avevano fatto ben sperare il Tesoro. La previsione è che il quarto trimestre potrebbe registrare una flessione del -0,8%, più contenuta rispetto ai tre mesi precedenti.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta ForecastÈ arrivato Linkiesta Forecast + New York Times

Il nuovo super magazine Linkiesta Forecast, in collaborazione con il New York Times, è pronto.

Duecentoquaranta pagine sugli Scenari 2021, le tendenze, l’agenda globale della nuova èra post Covid.

Con interventi di Premi Nobel, di dissidenti, di campioni dello sport, di imprenditori, di artisti, di stilisti, di ambientalisti e delle firme de Linkiesta e del New York Times.

Un progetto straordinario de Linkiesta che si aggiunge al Paper, a K, ad Europea, a Gastronomika, ma reso ancora più eccezionale dalla partecipazione del New York Times, in esclusiva per l’Italia.

Prenotatelo adesso, sarà spedito con posta tracciata a partire dal 7 gennaio (al costo di 5 euro per l’invio), e si troverà anche nelle edicole di Milano e Roma e nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (seguirà elenco).

10 a copia