Crisi rimandataRecovery Plan, arriva il via libera di Matteo Renzi

Il leader di Italia viva, in un’intervista a Rtl 102.5, conferma il suo appoggio al piano per far ripartire l’Italia dopo la pandemia da Coronavirus. Sulla tenuta dell’esecutivo aggiunge: «A me del cambio di governo interessa zero. Il problema non è come si cambia il governo, ma come si affronta questa pandemia»

Lapresse

«Approviamo questo benedetto Recovery, che sono in larga parte prestiti e vanno spesi per creare posti di lavoro, per dare soldi alla sanità». Dopo settimane di tensioni arriva il via libera di Matteo Renzi al Recovery Plan. Il leader di Italia viva, in un’intervista a Rtl 102.5, sulla tenuta dell’esecutivo poi aggiunge: «A me del cambio di governo interessa zero. Il problema non è come si cambia il governo, ma come si affronta questa pandemia».

Renzi, parlando del Recovery, ha poi spiegato: «Il 22 luglio ho detto spendiamo soldi, se qualcuno mi dice “facciamo veloci” io dico “corri, presenti questo Recovery, e usiamolo ma in cose utili”». Renzi parla poi dell’operato del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: «Il presidente della Repubblica – ha aggiunto il leader di Italia viva – ha detto cose che tutti noi condividiamo. Suggerisco di non tirare per la giacchetta il presidente della Repubblica, lui è un arbitro e non si mette a dire a un dirigente politico cosa deve fare. Nella sostanza, comunque, approviamo questo benedetto Recovery».

Il leader di Italia viva, spiegando di essere più interessato alla gestione della pandemia di Covid che alle sorti dell’esecutivo, aggiunge: «Io sono antipatico, non guardate me, ma guardiamo la sostanza. Noi abbiamo il maggior numero di morti, il peggior livello di Pil e il Paese che ha fatto le chiusure più toste, io dico non buttiamo via i soldi che abbiamo. Non ci frega nulla delle poltrone, ma non si buttino via i soldi che non torneranno mai più. O li spendiamo bene o spendeteli senza di noi. Io voglio avere la coscienza a posto».

«Io non ho mai chiesto la conta in Aula – continua Renzi – Conte ha detto “ci vedremo in Aula”, non siamo noi a cercare la conta, noi chiediamo più vaccini, più soldi a cultura e teatro, ai giovani. Su questi temi è possibile essere accusati come irresponsabili? Sui post danno tutti ragione a noi ma io voglio vederlo nei documenti, quando ci daranno documenti lo saprò dire». E aggiunge: «Se ora Conte e Casalino vogliono la conta in aula spero solo che abbiano fatto bene i conti dei numeri».

Renzi parla anche del Mes, accusando: «Salvini e Grillo non vogliono il Mes perché ce l’hanno con l’Ue, io penso che l’Ue ci ha salvato, ma se non prendi quei soldi mi dici dove li prendi? Ora l’Ue ce li fa spendere quando io ero premier non ce li faceva spendere» conclude.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta ForecastÈ arrivato Linkiesta Forecast + New York Times

Il nuovo super magazine Linkiesta Forecast, in collaborazione con il New York Times, è pronto.

Duecentoquaranta pagine sugli Scenari 2021, le tendenze, l’agenda globale della nuova èra post Covid.

Con interventi di Premi Nobel, di dissidenti, di campioni dello sport, di imprenditori, di artisti, di stilisti, di ambientalisti e delle firme de Linkiesta e del New York Times.

Un progetto straordinario de Linkiesta che si aggiunge al Paper, a K, ad Europea, a Gastronomika, ma reso ancora più eccezionale dalla partecipazione del New York Times, in esclusiva per l’Italia.

Prenotatelo adesso, sarà spedito con posta tracciata a partire dal 7 gennaio (al costo di 5 euro per l’invio), e si troverà anche nelle edicole di Milano e Roma e nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (seguirà elenco).

10 a copia