Socialismo in remissioneLa maggioranza degli americani è ancora a favore del capitalismo

Politici anticapitalisti come Bernie Sanders e Alexandra Ocasio-Cortez continuano a conquistare consenso e popolarità. Un sondaggio dell’American Heartland Institute dimostra però che un’ampia quota dei cittadini degli Stati Uniti è convinta che il libero mercato sia il miglior sistema economico possibile

Unsplash

Il sentimento anticapitalista è in crescita anche negli Stati Uniti? Un certo numero di sondaggi degli ultimi anni ha suggerito che questa sarebbe la tendenza. In particolare tra i giovani americani si è affermato che il termine “socialismo” goda ora di una considerazione più positiva rispetto al termine “capitalismo”. Un nuovo sondaggio dell’American Heartland Institute e di Rasmussen Reports del dicembre 2020 è giunto però a una conclusione diversa.

Alla domanda «Cos’è meglio, un sistema economico di libero mercato o il socialismo?», il 75 per cento degli intervistati ha scelto l’opzione relativa al libero mercato, mentre solo l’11 per cento ha preferito il socialismo e il 14 per cento non ha espresso una preferenza. C’è, tuttavia, un particolare da segnalare. Come molti altri sondaggi compiuti negli Stati Uniti, i sondaggisti hanno posto le loro domande ai “probabili elettori” – quegli americani che, secondo le analisi dell’istituto di sondaggi, probabilmente voteranno – piuttosto che a un campione casuale della popolazione nel suo complesso. Se il sondaggio includesse anche i non votanti, è molto probabile che le cifre varierebbero. Tuttavia, i risultati sono talmente chiari che la tendenza generale non cambierebbe di certo.

È interessante notare che non ci sono variazioni significative tra i probabili elettori maschi e quelli di sesso femminile. Gli intervistati con e senza laurea forniscono inoltre risposte quasi identiche alle domande del sondaggio e gli intervistati con basso reddito (meno di 50.000 dollari all’anno) non sono più a favore del socialismo di quelli che guadagnano più di 100.000 dollari all’anno. Quando i dati del sondaggio sono analizzati in termini etnici, più del 70% degli intervistati bianchi, neri e ispanici ha espresso una preferenza per il sistema economico di libero mercato. C’è, però, una differenza: i neri hanno il doppio delle probabilità di scegliere il socialismo (17%) rispetto agli ispanici (8%). 

La maggiore variazione è stata tra gli americani più giovani (18-39) e gli americani più anziani (65+). Infatti, il sostegno al socialismo è tre volte maggiore tra i giovani (18%) rispetto ai più anziani (6%).

Tra i democratici, il sostegno a un sistema economico di libero mercato (57%) supera nettamente il sostegno al socialismo (19%). La differenza è ancora più marcata all’interno delle fila dei probabili elettori repubblicani: il 91% è a favore di un sistema economico di libero mercato e solo una piccola minoranza (4%) ha espresso simpatia per il socialismo.

I risultati del sondaggio dell’American Heartland Institute/Rasmussen Reports corrispondono a un sondaggio che ho commissionato per il mio libro The Rich in Public Opinion, che ha confermato che la valutazione negativa nei confronti dei ricchi è meno pronunciata negli Stati Uniti che nei Paesi europei (con l’eccezione della Gran Bretagna, dove tale percezione è simile a quella fatta registrare negli Stati Uniti).

Nel mio sondaggio è stato calcolato un Coefficiente di invidia sociale per rappresentare i livelli di essa in ciascuno dei Paesi analizzati. I livelli di invidia sono più alti in Francia e Germania (coefficienti di 1,26 e 0,97, rispettivamente). L’invidia sociale è molto meno pronunciata negli Stati Uniti (0,42) e in Gran Bretagna (0,37). Anche l’indagine pubblicata in The Rich in Public Opinion ha confermato le significative variazioni tra giovani e anziani americani. Il Coefficiente di invidia sociale per gli americani di età inferiore ai 30 anni, ad esempio, è notevolmente più alto (0,56) rispetto agli americani di età superiore ai 60 anni (0,28). Nei Paesi europei considerati, è vero l’esatto contrario: sono i giovani intervistati ad avere un atteggiamento più positivo nei confronti dei ricchi e della ricchezza, rispetto ai loro connazionali più anziani.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionPreordina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione dal 15 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia