Gli invisibiliCome la pandemia ha influenzato la salute dei rifugiati in Europa

Con l’attenzione tutta rivolta verso il covid-19, i migranti privi di documenti sono scomparsi dai discorsi dell’opinione pubblica. A differenza della maggior parte delle persone, il loro accesso a servizi igienici sicuri è molto limitato, un diritto fondamentale che dovrebbe essere garantito

LaPresse

Pubblicato originariamente sullo European data journalism network

«Il luogo in cui ho soggiornato ospitava solo uomini adulti, in quanto i minori non erano ammessi a causa del covid, così come gli interventi dei volontari nei centri di prima accoglienza sono stati sospesi», racconta Franca, un’infermiera italiana chiamata urgentemente in servizio dopo che la pandemia è stata dichiarata ufficialmente a marzo. 

A quel tempo, viveva e lavorava in Belgio, ma ha dovuto lasciare tutto alle spalle e tornare nel suo paese. Poi, a metà agosto, Franca ha deciso di fare volontariato in un centro Sprar (sistema di protezione per rifugiati e richiedenti asilo) vicino a Trapani, in Sicilia. «Le condizioni igieniche erano pessime e tre o quattro ospiti dormivano nella stessa stanza. A essere onesti, le protezioni COVID mancavano, ma le maschere dell’estate scorsa non erano più obbligatorie neanche per strada». Franca e i suoi compagni volontari non hanno riscontrato alcuna emergenza sanitaria e un medico era lì per ogni evenienza. Infatti, dice, per i giovani del centro «una ‘malattia’ è tutta un’altra cosa».

Eppure, più di 30.000 rifugiati e migranti hanno partecipato al primo sondaggio in assoluto condotto dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e ha parlato del grave impatto della pandemia sulla loro salute mentale e fisica. Lo studio, pubblicato in occasione della Giornata internazionale dei migranti, ha finalmente fatto luce su una porzione della popolazione mondiale la cui salute è stata trascurata durante la crisi.

Allora, cosa è successo alle persone che sono arrivate in Europa al tempo di COVID-19? In primo luogo, il loro numero è sceso.

Ventimiglia rimane il confine più comune da attraversare per i migranti in Italia. «Qui abbiamo sempre una percentuale elevata e, dopo una breve sosta, i numeri sono aumentati di nuovo in estate», afferma Jacopo Colomba, coordinatore del progetto WeWorld Onlus. «In particolare, 12.000 persone sono state respinte al confine solo nei primi nove mesi del 2020. È anche interessante che i trafficanti chiedessero più soldi per aiutare le persone ad attraversare il confine, anche 500 euro per 40 km, durante il primo blocco».

La pandemia ha cambiato le condizioni di vita, costringendo più persone a vivere fuori. «Abbiamo avuto due casi di COVID ad aprile. Questo e l’allarme sociale sono stati i motivi alla base della chiusura del nostro unico campo esistente. Non avevamo un piano adeguato per un’emergenza e la pandemia ha provocato una sorta di “effetto diga”».

Altri confini mostrano situazioni ancora più difficili al punto che, a settembre, The Good Lobby, gli avvocati pro bono di De Brauw Blackstone Westbroek e WeMove Europe hanno sporto denuncia legale con la Commissione europea per ritenere la Grecia responsabile per la violazione delle leggi sull’asilo. «I respingimenti ci sono ancora: le condizioni di detenzione sono ancora orribili e continuano a verificarsi molte violazioni delle procedure dell’UE», afferma l’attivista Giulio Carini. «Ad esempio, i richiedenti asilo devono fare una chiamata Skype e questo è particolarmente difficile da organizzare al momento».

Le persone in Bulgaria e Francia non riuscivano a trovare un lavoro né a prendere un autobus. Mariana Stoyanova, responsabile del programma presso il servizio rifugiati-migranti della Croce Rossa bulgara, ricorda che durante il primo blocco «era chiuso tutto, compresi i parchi». «L’impatto è stato particolarmente forte per i richiedenti asilo perché i visitatori non erano ammessi all’interno delle sei strutture di accoglienza bulgare e c’è stato un regime molto rigido», dice. «Questo ha dato un buon risultato in quanto nessuno è stato infettato. Tuttavia, nelle strutture di detenzione ci sono stati circa 70 casi e alcuni ricoveri principalmente perché prelevati direttamente dai confini».

In Francia esiste già un problema di violenza della polizia nei confronti dei migranti. Pierre Roques, il coordinatore sul campo di Utopia 56 a Calais, afferma che «gli attacchi terroristici sono usati come scusa. Di recente è stato aperto un centro di accoglienza temporanea, ma la maggior parte delle persone vive ancora fuori. Ciò rende difficile distinguere i casi di COVID e anche loro non sembrano essere molto spaventati, il che è del tutto comprensibile».

Ellen Ackroyd, uno dei due field manager di Help Refugees Calais: «Le maschere sono distribuite in modo molto irregolare e non sistematico. Questo è un grosso problema, poiché le persone senza maschera non possono salire sugli autobus o entrare nei negozi. A un certo livello, le comunità sfollate sono decisamente consapevoli dei rischi e sono, proprio come tutti durante questa pandemia, molto caute nell’igiene. Tuttavia, a differenza della maggior parte delle persone, il loro accesso a servizi igienici sicuri è molto limitato, un diritto fondamentale che dovrebbe essere garantito dallo Stato. Anche questa è una fonte regolare di rabbia: alcune persone non fanno la doccia da mesi!».

Almeno il 50% degli intervistati al sondaggio dell’OMS ha ritenuto di essere stato colpito dalla pandemia, in termini di lavoro, sicurezza e situazione finanziaria. Secondo il sondaggio, alcune forme di discriminazione sono state particolarmente sentite tra la fascia di età più giovane (20-29 anni), dove almeno il 30% degli intervistati ritiene di essere stato trattato meno bene a causa della propria origine.

Infine, la salute delle persone è peggiorata. «Molte persone con malattie croniche, che vivono tutte insieme in cattive condizioni senza farmaci e problemi psicologici … tutto questo mi preoccupa davvero», dice Sanne van der Kooij, ginecologa olandese che fa parte del gruppo SOSMoria. «Con una seconda ondata di COVID-19, mi aspetto che questo inverno sarà problematico. Penso che i problemi maggiori per loro siano le conseguenze delle misure restrittive per limitare la pandemia perché non possono uscire dal campo, quindi sono isolati e spaventati».

La maggior parte dei rifugiati e dei migranti che hanno preso parte all’indagine dell’OMS ha preso precauzioni per evitare l’infezione da COVID-19. Quando non lo hanno fatto, è stato perché non hanno potuto, non certo perché non lo hanno voluto.

Il conteggio dei casi e dei decessi tra i migranti, tuttavia, è complicato. Tutti i volontari e gli esperti intervistati – in Bulgaria, Francia, Grecia e Italia – concordano: le condizioni di salute sono spesso così compromesse che a nessuno importa del COVID-19 e, se lo fanno, non c’è praticamente modo di testare le persone che si spostano nel nostro continente.

Allo stesso tempo, gli studi dimostrano che le persone vulnerabili hanno maggiori probabilità di ammalarsi. E così fanno i migranti, soprattutto se non hanno documenti. L’indagine dell’OMS mostra che le ragioni principali per non cercare assistenza medica sono finanziarie: paura di espulsione, mancanza di disponibilità di assistenza sanitaria o assenza di diritto. Un migrante su sei senza alcuna documentazione non cerca cure mediche per i sintomi COVID.

«I migranti privi di documenti hanno molte difficoltà ad accedere all’assistenza sanitaria», afferma Michele LeVoy, direttore della Piattaforma per la cooperazione internazionale sui migranti privi di documenti (PICUM). «Poiché l’assistenza sanitaria è regolamentata a livello nazionale, spetta agli Stati membri dell’UE decidere se è loro consentito ricevere aiuto. Il che significa 27 diversi sistemi

Pochissimi paesi – tra cui Irlanda, Portogallo e Italia – hanno introdotto misure speciali che hanno consentito ai migranti privi di documenti di accedere in sicurezza all’assistenza sanitaria durante la pandemia. «Quest’anno ha dimostrato che la pandemia ha esacerbato le vulnerabilità esistenti dei gruppi all’interno della popolazione e la necessità ancora maggiore di affrontare i fattori che li rendono vulnerabili», conclude LeVoy. «Se vuoi essere intelligente sulla salute pubblica, non escludere nessuno. La salute pubblica non conosce confini e i virus non portano i passaporti».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia