First draftGli storici hanno già cominciato a studiare la tragica era Trump

Nonostante le buone norme dell’accademia impongano di mantenere uno sguardo neutro e toni misurati, l’enormità e la follia degli ultimi quattro anni richiedono l’impiego di un linguaggio più forte. La prima opera che studia l’ex presidente come un oggetto del passato deve fare i conti con la confusione, la violenza di quel tempo, oltre alle conseguenze profonde della sua presidenza

Unsplash

Ormai la presidenza Trump appartiene alla storia. E tocca agli storici il compito di darne una valutazione il più oggettiva possibile. Per questo un gruppo di studiosi si è riunito (su Zoom) venerdì 19 per fare il punto di quattro anni complessi, ondivaghi, tumultuosi e non sempre facili da decifrare. È stato un accidente della storia? Oppure no?

Come ha premesso il professor Julian E. Zelizer, di Princeton la vera sfida per gli studiosi è «comprendere gli elementi fondamentali della sua presidenza e la loro connessione con distinte caratteristiche della storia americana». Fino a individuare i momenti in cui «è andato oltre ogni cosa».

Il titolo dell’opera che racchiuderà gli studi dei 17 studiosi, la cui pubblicazione per la Princeton University Press è prevista nel 2022, è sobrio: “The Presidency of Donald J Trump: A First Historical Assessment”, ma il tono di alcuni interventi, garantiscono gli studiosi, va spesso oltre la consueta moderazione accademica.

Non è uno strappo alle convenzioni o, peggio ancora, una concessione all’ostilità politica. Il fatto è che la presidenza Trump è stata così folle, assurda, polarizzata e violenta che anche le valutazioni più asettiche non possono che ricorrere a toni adeguati. Leggendo certi passaggi (in particolare la gestione delle alleanze straniere) si sobbalza sulla sedia, garantisce il New York Times, ma si è sempre d’accordo.

Quattro anni prima gli studiosi si erano ritrovati per scrivere la prima ricostruzione storica degli otto anni alla Casa Bianca di Barack Obama.

In quell’occasione – era appena stato eletto Trump – aleggiava un’atmosfera di terrore e di incertezza. In questa, anche se sono passati solo tre mesi, si avverte un profondo sollievo. Il mondo è cambiato.

Ma non del tutto: i due giorni di incontro e discussione sono avvenuti online a causa della pandemia, problema che ricorda – per forza – lo stesso Donald Trump e la sua caotica gestione. Suscitando una domanda, ormai oziosa per il cronista, ma ancora interessante per lo storico: se avesse affrontato meglio la crisi da coronavirus avrebbe vinto le elezioni? Una risposta affermativa (per alcuni addirittura scontata) obbliga allora a interpretare il fenomeno Trump nel profondo, indagando dinamiche e desideri della società americana.

Ma non è andata così. E allora nel loro lavoro gli storici sono chiamati, piuttosto, a mettere ordine e individuare i filoni costanti di un’amministrazione incoerente quasi in ogni sua azione.

Uno di questi è proprio la sua politica infrastrutturale: la Infrastructure Week, diventata nel corso degli anni una barzelletta, è un simbolo di questa aspirazione, di un progetto mai realizzato. Nemmeno nella sua opera più significativa: il muro.

Gli storici sanno bene che nonostante gli annunci e le promesse della campagna elettorale si sono aggiunti solo 130 chilometri alla barriera già esistente. Il punto è che il muro, la sua costruzione e il suo significato rappresentano la chiusura americana nei confronti degli stranieri, i respingimenti, la separazione dei figli dai genitori, la politica migratoria spietata.

Il secondo aspetto è, invece, il disordine stesso, la cui portata eversiva si è vista nell’assalto al Campidoglio e nei due impeachment. La presenza di un oggetto anomalo come Trump ha imposto riposizionamenti e alleanze inedite, riavvicinando ad esempio movimenti radicali come Black Lives Matter al Partito Democratico, o spaccando il fronte Repubblicano.

Ma tutta l’America ne è stata scossa, vivendo l’obbligo di una maggiore attenzione alla politica. Gli sviluppi di questo atteggiamento forse sono ancora in atto, e si vedrà. Ma questo non è già più materia per gli storici.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionOrdina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione da lunedì 17 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia