Contro il principio di non-precauzioneSiamo spiacenti di informarvi che non è il momento di togliersi la mascherina

Mentre in Italia ci si accalca per festeggiare lo scudetto e si pensa alle vacanze, negli Stati Uniti gli scienziati dicono che l’immunità di gregge è più lontana del previsto, e forse irraggiungibile. Dall’India al Brasile mezzo mondo è in fiamme, ma l’altra metà già vuole rimuovere gli estintori

Pexels

Se una cosa ci ha insegnato la pandemia, e in particolare il modo al tempo stesso asimmetrico, asincrono e inesorabile con cui l’abbiamo vista diffondere i suoi effetti da un paese all’altro, è che non impariamo mai niente. Ci pensavo sfogliando i giornali (il verbo è ovviamente un residuo linguistico di un’era tecnologicamente sorpassata, ma non me ne viene uno più adeguato) e passando dalle pagine di politica interna, con le polemiche sugli assembramenti dei tifosi interisti a Milano, alle pagine di politica estera, con la gara agli allentamenti delle misure anticovid, promessi o già in atto, nei paesi più avanti con le vaccinazioni, dalla Gran Bretagna alla Germania, dagli Stati Uniti a Israele. 

Notizie che facevano a pugni con quelle provenienti dal resto del pianeta, in particolare dalla parte meno ricca, come India e America Latina, dove il contagio appare semplicemente fuori controllo. In pratica, mentre tutto intorno a noi il mondo va a fuoco, laddove invece si è appena riusciti a contenere l’incendio, la prima cosa a cui si pensa è a come e quando rimuovere gli estintori. Del resto persino da noi, dove la campagna di vaccinazione è assai più indietro, sono già fiorite surreali discussioni sulla possibilità di consentire ai vaccinati di togliersi la mascherina, cioè praticamente l’unica misura di sicurezza che avevamo cominciato ad applicare seriamente (sia pure con molti limiti).

Ha scritto ieri il New York Times che gli scienziati concordano ormai sul fatto che l’immunità di gregge, per gli Stati Uniti, sia più lontana del previsto, e che forse, semplicemente, non la raggiungeranno mai. Perché le nuove varianti sono molto più contagiose, perché i discorsi sulla percentuale di immunizzati a livello nazionale non tengono conto delle differenze da una città all’altra (alimentate dall’estesa diffidenza verso i vaccini e dalla sua ineguale distribuzione territoriale), e cioè di potenziali focolai in cui il virus può continuare a prosperare, per poi diffondersi anche in zone a più alta copertura, e perché, se questo discorso vale a livello nazionale, figuratevi a livello globale. Finché il virus avrà a disposizione interi continenti in cui diffondersi pressoché indisturbato, è inoltre probabile che la situazione peggiori anche dal punto di vista delle varianti (rendendo meno remoto persino lo scenario catastrofico, in cui le nuove varianti si rivelino non solo più contagiose e letali, ma pure capaci di eludere i vaccini). 

Secondo gli studi più recenti i paesi che hanno puntato a sradicare il virus, investendo su tracciamento e prevenzione (Australia, Islanda, Giappone, Nuova Zelanda, Corea del Sud), non solo hanno avuto molti meno morti di quelli che hanno puntato su strategie “graduali”, ma hanno avuto anche i migliori risultati economici. A riprova di come una seria politica di prevenzione sia il modo migliore di garantire tanto la sopravvivenza fisica quanto la sopravvivenza economica. 

Tra i paesi che hanno optato invece per una strategia gradualista di “convivenza” con il virus, diciamo così, l’Italia è stata probabilmente quello che ha oscillato di più: dal primo, durissimo e lunghissimo lockdown di marzo-aprile 2020 all’incredibile liberi-tutti che ne è seguito, e che non si è voluto abbandonare fino a novembre inoltrato. Per poi scoprire improvvisamente che di tutte le cose che si sarebbero dovute riorganizzare nel frattempo, per permettere almeno una parziale “convivenza” con il virus, non si era fatto praticamente niente (responsabilità che va sempre equamente distribuita, per essere onesti, tra il governo Conte e le diverse amministrazioni regionali).

E sapete perché? Perché più o meno tutti quanti – salvo una manciata di epidemiologi guastafeste, che per questo sono stati spesso irrisi come menagrami, e magari qualche giornalista meno incline a bersi la fesseria del «modello italiano» – si erano voluti convincere del fatto che la guerra fosse finita, il nemico scappato, e potessimo smettere di preoccuparcene. E quanto una simile convinzione avesse fatto presa anche sui ministri più prudenti lo testimonia l’imbarazzante vicenda del libro di Roberto Speranza ritirato dalle librerie all’ultimo minuto per manifesta non corrispondenza con la realtà.

Quello che da queste pagine abbiamo rimproverato al governo Conte, sia prima che dopo, non è di non essere stato capace di prevedere il futuro, ma di essersi voluto aggrappare con tutte le sue forze allo scenario migliore, una sorta di principio di non-precauzione portato avanti anche quando, come a ottobre inoltrato, i segnali dell’inversione di tendenza erano evidenti a tutti.

Se però vogliamo evitare di rifare il giro completo ancora una volta, forse dovremmo smettere di discutere di quando potremo tornare a giocare allegri e spensierati come facevamo prima del virus, e cominciare a discutere di cosa possiamo fare adesso per evitare di ritrovarci sempre di nuovo al punto di partenza, nello sfortunato caso in cui, con le varianti, i vaccini e le poche difese su cui continuiamo riporre ogni speranza, non tutto dovesse andare secondo le nostre più rosee aspettative.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionPreordina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione dal 15 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia