Gli invisibiliGli stranieri irregolari in Italia dimenticati durante la campagna vaccinale

Circa 600mila persone presenti nel nostro Paese non possono prenotarsi per ottenere il vaccino perché non possiedono la tessera sanitaria. Chi ha ideato i portali delle regioni si è dimenticato di includere anche chi vive da anni nel Belpaese ma ha perso da poco il permesso di soggiorno. Eppure l’articolo 32 della nostra Costituzione garantisce il diritto alla salute in modo universale e non discriminatorio

Unsplash

La campagna vaccinale procede a gonfie vele, con oltre 30 milioni di persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino anti Covid. Eppure c’è un popolo di invisibili che il Governo e le amministrazioni regionali sembra aver voluto, intenzionalmente o no, dimenticare.

Parliamo di quei circa 600 mila (secondo le stime Ispi) stranieri irregolari presenti sul territorio italiano che non possiedono la tessera sanitaria, ad oggi imprescindibile per la prenotazione sui portali regionali. Ma parliamo anche di quei circa 40mila richiedenti asilo, quindi in possesso di tessera sanitaria, che pur non rientrando nelle fasce prioritarie vivono in condizioni incompatibili con una pandemia mondiale, nei centri di accoglienza e nelle comunità

Una tematica complessa, oggetto di indignazione facile – vacciniamo prima gli stranieri degli italiani? – ma che non può non essere una priorità per la tutela sanitaria loro, ma anche del resto dei residenti in Italia. L’articolo 32 della nostra Costituzione garantisce il diritto alla salute in modo universale e non discriminatorio. Perché, allora, si sta privando una fetta considerevole di stranieri (e con loro i senzatetto, e le fasce più emarginate della società) di uno dei diritti fondamentali della persona?

Continua a leggere su Nuove radici

Nuove radici

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club