Altro che giardinettiMilano è la prima città a sperimentare il parco urbano green, sport, smart e art

Questo progetto di responsabilità sociale sarà implementato su scala nazionale per arricchire le aree verdi, rendendole più sostenibili e inclusive, e per metterle al servizio della qualità della vita dei cittadini

Milano è sempre in cerca di nuove sperimentazioni, e con questo progetto Parchi Agos Green&Smart voluto da Agos la città promuove e comunica i valori di “green” e di “prossimità” che la caratterizzano. L’obiettivo è rilanciare e rigenerare le aree verdi delle nostre città arricchendole di nuove strutture, attività educative e servizi digitali a elevato valore aggiunto, contribuendo a rendere questi spazi verdi anche poli di aggregazione sociale più inclusivi e sostenibili. È con questo spirito che Agos è stata al fianco di WWF nella quinta edizione di Urban Nature, la manifestazione che ieri, domenica 10 ottobre, ha animato piccoli e grandi centri in tutta Italia per sensibilizzare cittadini e istituzioni sulla necessità di avere città più verdi, salubri e amiche del clima. 

Il Progetto Parchi Agos Green & Smart è nato con lo scopo di affermare un nuovo modello di parco urbano unico nel suo genere in Italia, attraverso percorsi di rigenerazione urbana e sociale delle aree verdi che per la prima volta associano quattro dimensioni essenziali della qualità della vita delle nostre città. Il “Green, ovvero la diffusione del verde in città e l’educazione alla sua cura; l’area Smart, ovvero l’innovazione attraverso la tecnologia e il digitale a disposizione della comunità; lo Sport, ovvero la diffusione della pratica sportiva in città come fattore di salute, benessere e socialità; l’“Arte”, con un focus sulla street art e sulle altre forme di espressione artistica urbana come contributo alla riqualificazione di spazi e manufatti spesso degenerati o inutilizzati. 

Il primo Parco Agos Green&Smart d’Italia è stato inaugurato a metà settembre a Milano nell’area di Largo Balestra-Giambellino come intervento di riqualificazione urbana inserito nel patto di collaborazione tra l’Associazione Fate Largo e il Comune di Milano. L’area è oggi fruibile in una nuova veste, grazie alla collocazione di nuove piante e fiori e alla possibilità di praticare sport con attrezzature adatte anche a utenti con disabilità, mentre gli appassionati di tecnologia e di arte possono provare app di nuova generazione per allenarsi o accedere a tutorial curati da campioni dello sport e a gare virtuali oppure ammirare opere di street art e rilassarsi su manufatti di design.

In occasione di Urban Nature il Parco Agos Green&Smart ha ospitato una serie di iniziative a carattere culturale, educativo ed esperenziale aperte ai cittadini e alle famiglie. Dai laboratori musicali per scoprire il suono della natura in compagnia di un musicologo alla realizzazione di un mandala creato a partire dagli elementi naturali presenti nel parco, dal prendere parte ai laboratori di riciclo riutilizzando tappi e bicchieri in plastica, all’esercitarsi a smistare correttamente i rifiuti mischiati di proposito in una competizione a tempo. Tutte le iniziative si sono svolte in collaborazione con diverse associazioni locali, tra cui Amici di Parco Bello, Cooperativa Opera in Fiore e Il Bosco incantato di Vanzago.

Il Progetto risponde a bisogni diffusi dal Nord al Sud della Penisola in cui una maggiore qualità e disponibilità di aree verdi è tra le carenze più frequentemente denunciate dai cittadini, con circa il 50 per cento degli italiani residenti in città che la considera una priorità (GFK 2019), a fronte di una media pro capite di verde pubblico a disposizione di circa 30 metri quadrati, ma che in molte città tocca a mala pena la soglia dei 9 metri quadrati (WWF). Nella maggior parte dei casi sono aree non totalmente fruibili o funzionali, prive dei servizi essenziali o insicure, quando non del tutto degradate o abbandonate. Con questo progetto le aree verranno restituite alle città e ai cittadini, in un binomio virtuoso pubblico-privato. 

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club